La Via della Plata Completa

0
From4,035 €
From4,035 €






Añadir a favoritos

Esta función requiere iniciar sesión

365
Descrizione

Percorrere la Via de la Plata, da Siviglia a Santiago

La Via de la Plata è il percorso che conduce i pellegrini dal sud della Spagna a Santiago di Compostela. Il percorso inizia a Siviglia e termina ad Astorga, ma si farà una deviazione a Zamora, seguendo il Camino Sanabrés o Mozárabe fino a Santiago de Compostela.

L’originale Via de la Plata era una strada romana che si estendeva dall’odierna Mérida ad Astorga. Per questo motivo, lungo questo Cammino, si possono trovare siti romani eccezionali, come il teatro romano di Merida o l’acquedotto di Segovia.

Ma non è tutto: questo percorso è anche una testimonianza del passato islamico della Penisola. Potrete conoscere i contrasti tra la cultura e l’architettura della Spagna meridionale e settentrionale. Camminando, passerete per molte città con una lunga storia e un fascino unico. Alcune, come Merida, Cáceres o Salamanca sono patrimonio dell’UNESCO.

983 km separano Siviglia da Santiago, quindi la Via de la Plata è il Cammino più lungo, e durante i mesi estivi il clima sarà più caldo che in altri percorsi. Se siete preoccupati per la lunghezza di qualche tappa, non c’è problema! Possiamo dividerla in due o aggiungere notti extra per farvi riposare.

Ogni pellegrino deve seguire il cammino a suo ritmo!

Noi di Galiwonders.com vogliamo aiutarvi a vivere un’esperienza incredibile. Quindi dimenticate i vostri bagagli e tutta la logistica. Ci prenderemo cura di tutti questi dettagli, in modo che possiate godervi il Cammino di Santiago al meglio.

IL PREZZO INCLUDE
  • 48 NOTTI IN HOTEL
  • MEZZA PENSIONE
  • TRANSFER DEI BAGAGLI TRA LE TAPPE
  • TELEFONO DI ASSISTENZA 24 H
  • CREDENZIALE DEL PELLEGRINO
  • APPUNTI DI VIAGGIO
Personalizza il tuo viaggio

Se vuoi aggiungere o eliminare giorni, combinare questo viaggio con qualsiasi altro tra quelli che offriamo, pernottare in un luogo concreto, includere più cene, o qualunque altra

Chiedici un preventivo

Importante

Non dimenticare che i nostri itinerari sono flessibili, se hai un’idea in mente (vuoi aggiungere o togliere una notte, servizi…) non dubitare in dircelo.
 
Itinerario

Giorno 1: Arrivo a Sevilla

Siviglia, la capitale dell’Andalusia, ha mantenuto la sua importanza fin dai tempi dell’Impero Romano. A Siviglia troverete una città che è il frutto del suo passato islamico, ma con una grande influenza cristiana per più di 500 anni. La città era uno dei porti principali dell’Impero spagnolo.
Qui si può visitare la Cattedrale con la famosa Giralda, la Torre del Oro o l’Alcazar, un antico palazzo islamico. E naturalmente, non andatevene senza aver visto uno spettacolo di flamenco.

Giorno 2: Sevilla - Guillena (22 km)

Il pellegrinaggio inizia dalla Cattedrale di Siviglia e passa per il famoso quartiere di Triana prima di lasciare la città. Lungo il percorso si trovano le rovine romane di Italica, che hanno ispirato una nota poesia dell’età dell’oro. Oltre al loro valore monumentale, in questa tappa si possono fare lunghe passeggiate tra i campi di cotone.

Giorno 3: Guillena - Castilblanco de los Arroyos (19 km)

La tappa da Guillena a Castilblanco è un cammino tra ulivi e alberi da frutta. Più tardi, vi potrete immegere nell’ombra della foresta mediterranea, passando per la Sierra Nord di Siviglia.

Giorno 4: Castilblanco de los Arroyos - Almaden de la Plata (30 km)

Se la strada da Guillena è l’occasione perfetta per conoscere la flora della zona, questa tappa è perfetta per vedere la sua fauna. Lungo la strada, passerete davanti ai tipici pascoli con il bestiame, e forse vedrete anche un cervo! Verso la fine della tappa si raggiunge il Cerro del Calvario, da dove si ha una vista privilegiata della zona.

Giorno 5: Almaden de la Plata - El Real de la Jara (17 km)

Questa tappa è piuttosto complicata, quindi l’abbiamo divisa in due giorni. Anche in questo caso, potrai osservare molti animali. Questa sarà l’ultima parte del vostro viaggio in terra andalusa.

Giorno 6: El Real de la Jara - Monesterio (21 km)

Un castello del XIV secolo presiede El Real de la Jara. A questo punto si lascerà l’Andalusia per entrare in Estremadura. Lungo la strada vedrete le rovine di un altro castello medievale. Non dimenticate di visitare la cappella di San Isidro: il tempio ha appena 60 anni, ma la sua architettura merita una visita.

Giorno 7: Monesterio - Fuente de Cantos (22 km)

In questa tappa, attraverserete zone rurali dove olivi, fichi, terreni agricoli e ruscelli diventeranno lo scenario del vostro viaggio.

Giorno 8: Fuente de Cantos - Zafra (26 km)

Continuerete il vostro viaggio attraverso una zona di vigneti e oliveti. Lungo la strada si possono vedere lepri, conigli o pernici. Consigliamo una deviazione per visitare la chiesa di El Salvador, con la sua pala d’altare in stile gotico.

Giorno 9: Zafra - Villafranca de los Barros (21 km)

Prima di lasciare Zafra, fermatevi a visitare la torre di San Francisco, che faceva parte di un convento del XV secolo.
Passeggerete attraverso la Sierra di San Cristobal e zone di bosco mediterraneo prima di arrivare a Villafranca. Lì si può visitare la chiesa di Nuestra Señora de los Angeles, nota per la sua facciata.

Giorno 10: Villafranca de los Barros - Almendralejo (17 km)

Questa è una zona rurale dove si trovano oliveti e vigneti, oltre al terreno argilloso che dà il nome alla regione, “Los Barros”. E non dimenticate di visitare l’eremo di Nuestra Señora de la Coronada.

Giorno 11: Almendralejo - Mérida (26 km)

La tappa da Almendralejo a Mérida segue una strada romana, circondata da vigneti. A Torremejía, fermatevi a vedere il palazzo rinascimentale di Mexía, o Palacio de los Lastra.
Si arriva a Merida attraverso il ponte romano, il più lungo dell’antichità. Una statua di Romolo e Remo vi darà il benvenuto in questa città dal passato romano. Non dimenticate di visitare i suoi monumenti, soprattutto il teatro.

Giorno 12: Mérida - Aljucen (17 km)

Qui inizia l’originale Vía de la Plata, la strada romana che collegava Merida e Astorga. Lungo la strada si passa davanti a un bacino idrico e a un lago naturale.

Giorno 13: Aljucen - Alcuescar (21 km)

In questa tappa attraverserete un parco naturale e vi immergerete nella foresta mediterranea. Se vi piacciono gli uccelli, non dimenticate di portare un binocolo, perché in questa zona si possono trovare specie rare come la cicogna nera.

Giorno 14: Alcuescar - Aldea del Cano (17 km)

Sulla strada da Alcuescar sarete circondati da uliveti. Più tardi, troverete mandrie di animali tipici al pascolo. Prima di arrivare ad Aldea del Cano, si passa un ponte romano, testimone del passato romano della zona.

Giorno 15: Aldea del Cano - Cáceres (23 km)

Questa tappa combina strade rurali con sentieri lungo la strada. C’è una sezione molto complicata, quindi questa tappa sarà più difficile delle precedenti. Ma ne sarà valsa la pena quando arriverete a Cáceres, città patrimonio dell’umanità.

Giorno 16: Cáceres - Casar de Cáceres (11 km)

Questa tappa è più breve, quindi potete approfittarne per godervi tutto il fascino di Cáceres prima di partire. Quando lasciate la città, vi aspetta una strada con poca ombra.

Giorno 17: Casar de Cáceres - Canaveral (34 km)

Zona rurale dove si dovrà alternare il cammino su strade e su sentieri nel bosco.

Giorno 18: Canaveral - Galisteo (28 km)

Una passeggiata nella natura che inizierà con una dura salita a Puerto de los Castaños. Da non perdere il muro almohade di Galisteo e la chiesa di Nuestra Señora de la Asuncion con l’abside del XII secolo.

Giorno 19: Galisteo - Carcaboso (11 km)

Vi lascerete Gallisteo alle spalle mentre attraversate il fiume Jerte su un ponte medievale. Questo tratto sarà su strada, ma il fiume e le foreste ne faranno un cammino piacevole.

Giorno 20: Carcaboso - Zarza de Granadilla (27 km)

Oggi passerete accanto alle rovine di Caparra. Questa città esisteva già prima dell’arrivo dei Romani e durante la conquista divenne un punto importante della Via della plata. Il suo arco romano è ancora in piedi, da non perdere!

Giorno 21: Zarza de Granadilla - Baños de Montemayor (18 km)

Questa fase è molto simile alla precedente. Si consiglia di fare una deviazione a Hervás per visitare uno dei quartieri ebraici meglio conservati della Spagna.

Giorno 22: Baños de Montemayor - Calzada de Béjar (13 km)

Il percorso ritorna alla vecchia Vía della Plata e alla Cañada Real, il sentiero seguito dalle mandrie reali. Infine si entra in Castiglia, camminando lungo strade e sentieri rurali. Fate attenzione alle pietre miliari che troverete lungo il percorso, in particolare il CXXXIV, uno dei meglio conservati.

Giorno 23: Calzada de Béjar - Fuenterroble de Salvatierra (21 km)

Camminerete attraverso una valle e un bosco, ma ci sarà anche una parte sulla strada principale. Anche in questo caso, non perdetevi le pietre miliari lungo la strada.

Giorno 24: Fuenterroble de Salvatierra - San Pedro de Rozados (30 km)

Questo è un paesaggio rurale, con campi coltivati e boschi di querce. A metà della salita dovrete salire sul Pico de la Dueña, a 1.169 metri sul livello del mare.

Giorno 25: San Pedro de Rozados - Salamanca (26 km)

26 km separano San Pedro da Salamanca. Dopo una lunga giornata di cammino attraverso le zone rurali, attraverserete il ponte romano sul fiume Tormes e sarete finalmente a Salamanca, città nota per la sua storia, i suoi monumenti e la sua famosa università.

Giorno 26: Salamanca - Calzada de Valdunciel (16 km)

Solo mancano 444 km a Santiago! Si lascia Salamanca camminando lungo la strada nazionale e si arriva presto ad Aldeaseca de Armuña, con la sua chiesa del XVI secolo. Questa tappa è breve, quindi vi consigliamo di cogliere l’occasione per visitare Salamanca prima di partire.

Giorno 27: Calzada de Valdunciel - El Cubo de la Tierra del Vino (20 km)

In questa fase dovrete seguire la strada nazionale. Si lascia la provincia di Salamanca per raggiungere la provincia di Zamora.

Giorno 28: El Cubo de la Tierra del Vino - Zamora (33 km)

Oggi si cammina di nuovo su strade rurali, attraversando una zona di produzione vinicola. A metà del cammino si iniziano a vedere i vigneti su entrambi i lati.
Zamora è una città vecchia sulle rive del fiume Duero, nota per il suo centro storico romanico magnificamente conservato.

Giorno 29: Zamora - Montamarta del Pan (19 km)

La tappa di oggi è più breve, quindi cogliete l’occasione per visitare Zamora prima di partire. Anche in questo caso, dovrete camminare lungo strade rurali, mentre il paesaggio si trasforma in campi di cereali.

Giorno 30: Montamarta del Pan - Granja de Moreruela (22 km)

Continuerete a camminare su strade di campagna e autostrade. Consigliamo una sosta per visitare le rovine medievali di Castrotorafe. Arrivati alla Granja de Moreruela si lascia la Vía della Plata per seguire il Cammino di Sanabrés fino a Santiago di Compostela.

Giorno 31:  Granja de Moreruela - Tabara (26 km)

Questa è la prima tappa del Cammino di Sanabrés, che vi porterà a Santiago di Compostela attraverso Ourense. Camminando, il paesaggio presenterà aree verdi con lunghi tratti rurali.

Giorno 32: Tabara - Camarzana (28 km)

Il percorso di oggi è molto simile a quello del giorno prima. Man mano che ci si avvicina al fiume Tera, il paesaggio si trasforma in vigneti e cantine.

Giorno 33: Camarzana - Monbuey (30 km)

Anche in questo caso, camminerete tra strade e sentieri. Lungo la strada, passerete accanto al lago artificiale di Nuestra Señora del Agavanzal.

Giorno 34: Monbuey - Puebla de Sanabria (30 km)

Avvicinandovi alla Galizia, troverete molti altri villaggi lungo il percorso, con le loro chiese e le loro croci.

Giorno 35: Puebla de Sanabria - Requejo (12 km)

Oggi sarà una breve tappa, quindi approfittate della mattinata per visitare Sanabria. Questa città, dichiarata luogo di interesse storico e artistico, ha una posizione strategica tra la Castiglia, la Galizia e il Portogallo. Non dimenticate di visitare il suo castello del XVII secolo e la chiesa di Nuestra Señora del Azogue.

Giorno 36: Requejo - Lubian (18 km)

Si tratta di una tappa montuosa, che entra nelle terre dell’Alta Sanabria.

Giorno 37:  Lubián - A Gudiña (23 km)

Oggi vi lascerete alle spalle la Castiglia dopo aver superato la zona montuosa di A Canda. Questa è l’ultima tappa di Zamora, e finalmente si arriva in Galizia attraverso la provincia di Ourense.

Giorno 38: A Gudiña - Campobecerros (20 km)

Anche in questo caso, continuerete a camminare in una zona montuosa e scarsamente popolata, a causa delle condizioni meteorologiche e del difficile accesso durante la maggior parte dell’anno. La destinazione finale della giornata, Campobecerros, è il luogo più popolato della zona.

Giorno 39: Campobecerros - Laza (15 km)

È il momento di scendere dalla montagna a Laza, città famosa per il suo Entroido (Carnevale).

Giorno 40: Laza - Vilar de Barrio (21 km)

Oggi è il momento di risalire in cima al monte Requeixada. Il punto più alto della giornata sarà la croce sul monte Talariño. Alla fine della tappa, si scende verso Vilar de Barrio.

Giorno 41: Vilar de Barrio - Xunqueira de Ambia (14 km)

Da questo punto in poi troverete zone rurali più popolate. Mentre camminate, guardate i tradizionali hórreos e i campi.

Giorno 42: Xunqueira de Ambia - Ourense (22 km)

Dovrete seguire la strada per Ourense, lasciandovi alle spalle i piccoli villaggi.

Prima di arrivare in città vi consigliamo di fermarvi a Seixalbo, che vi riporterà indietro nel Medioevo con la sua particolare architettura. Siete finalmente arrivati nella città di Ourense!
Fin dall’epoca romana, la città ha svolto un ruolo molto importante nella zona. Ci si arriva tramite il ponte romano. Nel tempo libero, visitate la Cattedrale di San Martiño e Burgas, sorgenti termali nel cuore di Ourense.

Giorno 43: Ourense - Cea (21 km)

Lasciandosi Ourense alle spalle, le strade acciottolate cominceranno a cedere il passo alle strade rurali.
Cea è famosa per il suo pane artigianale. Già nel XVII secolo gran parte della popolazione si dedicava alla cottura al forno. Quindi, non andatevene senza aver provato il suo famoso pane integrale!

Giorno 44: Cea - Dozón (21 km)

Un paesaggio rurale. Vi lascerete alle spalle i piccoli villaggi con le loro chiese e i loro incroci.

Giorno 45: Dozón - Lalín (17 km)

Questa è un altra tappa rurale in cui si cammina all’ombra delle querce. Lalín è famosa per la sua gastronomia, quindi non esitate a provare il suo famoso cocido.

Giorno 46: Lalín - Silleda (15 km)

Questa tappa è molto simile alla precedente. Ancora una volta, seguirete strade rurali. Vedrete chiese con crocevia e piccoli villaggi sulla vostra strada.

Giorno 47: Silleda - Ponte Ulla (20 km)

Questa tappa vi porterà nella provincia di A Coruña. La passeggiata sarà molto facile, tranne che per l’ultima discesa a Ponte Ulla, ma lo sforzo ne varrà la pena per i panorami. Vi consigliamo di fermarvi a Dornelas e visitare la sua chiesa romanica.

Giorno 48: Ponte Ulla - Santiago de Compostela (20 km)

Gli ultimi 20 km fino a Santiago! Sarà un cammino facile che vi porterà finalmente a destinazione, camminando lungo piccole strade e lasciandosi alle spalle incroci ed eremi.

Giorno 49: Check out

Il vostro ultimo giorno con noi. Ci auguriamo che il vostro viaggio sia stato piacevole e che la vostra esperienza sia stata indimenticabile.

Mappa

×