Cammino di Santiago da Sarria

Percorri gli ultimi 100 km del Cammino di Santiago e prendi la tua Compostela!

Da Sarria puoi percorrere gli ultimi 100 km del Cammino Francese, il minimo per raggiungere la tanto attesa Compostela. Uno degli aspetti positivi di un’esperienza come percorrere il Cammino di Santiago è la possibilità di conoscere città, paesi e villaggi che altrimenti non sarebbe comune visitare, come Arzúa.

Tour consigliati da Sarria

The French Way
106 Km
Sarria
10 Tappe
11 Notti
da 870 €
Vedere
Camino de Santiago Superior
106 Km
Sarria
5 Tappe
6 Notti
da 750 €
Vedere
Camino Francés Pet Friendly
111 Km
Sarria
6 Tappe
7 Notti
da 870 €
Vedere
El Camino Francés | Sarria a Santiago
106 Km
Sarria
5 Tappe
6 Notti
da 470 €
Vedere

Distanza e punti di partenza in Cammino di Santiago da Sarria

Sarria Camino Francés
Fondata da Alfonso IX, vanta una squisita eredità architettonica medievale ed è un punto di partenza strategico per i pellegrini del Cammino

Il Cammino di Santiago da Sarria vi condurrà alla Cattedrale di Santiago de Compostela da questa piccola città dell’interno della provincia di Lugo. Per raggiungere la città dell’Apostolo, dovremo camminare per cinque giorni, percorrendo una media di 20 km al giorno. Prepariamoci per il Cammino e partiamo!

Da Galiwonders vi consigliamo di fare questo percorso in primavera e in autunno. Questo periodo dell’anno è un’occasione unica per camminare lungo il percorso più famoso del Cammino di Santiago con una tranquillità che normalmente non sarebbe possibile sperimentare. Lungo il meraviglioso percorso francese che parte da Sarria, nei boschi e negli spazi naturali della Galizia, si incontrano pellegrini provenienti da tutto il mondo.

Solo l’anno scorso più di 96.000 pellegrini hanno scelto il cammino francese da Sarria!

Per facilitare l’esperienza dei suoi clienti, Galiwonders vi offre un servizio completo dall’inizio del cammino fino alla destinazione finale.

Prenoteremo per voi tutti gli alberghi e i ristoranti. E ogni mattina i nostri trasportatori preleveranno i vostri bagagli dall’hotel e li riconsegneranno all’hotel successivo, in modo che dobbiate preoccuparvi solo di godervi il viaggio.

Un’esperienza che vi permetterà di liberare la mente e di immergervi in un ambiente naturale lontano dai rumori e pieno di pace. Troverete una natura meravigliosa, vasti spazi aperti, villaggi incantevoli, incontri con persone del posto con cui parlare del nostro cammino e tempo per approfondire la vostra interiorità.

Mappa Cammino di Santiago da Sarria

Mappa del Cammino Francese da Sarria

Tappe Cammino di Santiago da Sarria

Tappa 30
22 km
2/5
5h
Tappa 31
25 km
2/5
5h45m
Tappa 32
28 km
3/5
6h45m
Tappa 33
19 km
2/5
4h30m
Tappa 34
19 km
2/5
4h30m

Livello di difficoltà Cammino di Santiago da Sarria

Sebbene il Cammino francese di Santiago sia considerato uno dei percorsi più impegnativi, con un livello difficoltà medio-alta, le tappe di quest’ultimo tratto Sarria – Santiago de Compostela hanno invece una difficoltà medio-bassa. In linea di massima è un percorso che può essere fatto da tutti, ma bisogna tenere presente che il livello di difficoltà di questo itinerario può variare a seconda del punto di partenza, delle proprie condizioni fisiche e delle condizioni meteorologiche al momento del viaggio.

Distanza

Il Cammino francese da Sarria è lungo circa 116 chilometri. La distanza percorsa può influire sul grado di difficoltà, quindi è importante pianificare tappe adeguate al proprio livello di preparazione fisica.

Terreno

Durante il percorso si incontrano diversi tipi di terreno, come strade rurali, strade asfaltate, sentieri di montagna o aree forestali. In alcuni tratti si possono incontrare sentieri acciottolati o sconnessi, che però non rendono difficile il proseguimento del percorso.

Pendenza

Il tratto Sarria-Santiago del Cammino Francese combina salite e discese. Tuttavia, queste pendenze non sono molto ripide e non rappresentano una sfida fisica impegnativa. Il dislivello positivo è di circa 250 metri.

Il percorso e la segnaletica del Cammino francese da Sarria

Il Cammino Francese è il miglior segnalato di tutti gli itinerari che compongono il Cammino di Santiago. Ciò è dovuto in gran parte a Elías Valiña, il sacerdote di O Cebreiro, che ha segnalato con frecce gialle l’intero Cammino Francese da Roncisvalle a Santiago de Compostela.

La segnaletica più comune del Cammino francese da Sarria è costituita dalle pietre miliari e frecce dipinte agli incroci. Anche se nei tratti urbani e rurali si possono trovare cartelli tra gli edifici.

Guardate con attenzione. A volte possono essere nascosti o oscurati da qualcosa come automobili o persone, facendovi seguire il percorso sbagliato. Se arrivate a un incrocio senza indicazioni e non sapete come proseguire, vi consigliamo di tornare all’ultimo cartello che avete visto per cercare di riorientarvi.

Nota importante:

Potreste imbattervi in una segnaletica a forma di conchiglia di capesante. Se non è accompagnata da una freccia gialla, bisogna seguire la conchiglia lungo il suo lato aperto, cioè la parte semicircolare con il diametro maggiore, come se fosse una freccia immaginaria.

Cosa fare e vedere al Cammino di Santiago da Sarria?

Il Cammino Francese di Santiago da Sarria è uno degli itinerari più famosi del Cammino Francese, in quanto comprende gli ultimi 116 chilometri del Cammino Francese. Ciò significa che la sua posizione soddisfa la distanza minima richiesta dei 100 chilometri a piedi affinché i pellegrini possano ottenere la Compostela presso l’Ufficio del Pellegrino di Santiago.

Attualmente, più di 350.000 persone provenienti da tutto il mondo percorrono ogni anno le vie del Cammino di Santiago. Il Cammino Francese da Sarria è il più popolare: secondo l’Ufficio di Accoglienza dei Pellegrini di Santiago, 96.124 persone hanno percorso questo itinerario nel 2019, pari al 27% di tutti i pellegrini giunti a Santiago de Compostela in quell’anno.

Questo percorso è stato il primo itinerario del Cammino di Santiago a essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e il primo itinerario culturale europeo. Inoltre, questo percorso è caratterizzato dalla varietà dei paesaggi e dalla straordinaria ricchezza di monumenti, cultura e gastronomia.

Dove passa il Cammino Francese da Sarria?

Il Cammino Francese da Sarria è uno degli itinerari più popolari del Cammino di Santiago e attraversa la comunità autonoma della Galizia, più precisamente le province di Lugo e A Coruña. Questo percorso ha una lunghezza di 116 chilometri ed è noto soprattutto per essere il tratto minimo necessario per ottenere la Compostela, il certificato di pellegrinaggio, perché supera i 100 chilometri richiesti.

Sarria

Sarria
Sarria è il punto di partenza di molti pellegrini, poiché comprende gli ultimi 100 chilometri del Cammino Francese.

Situato nella provincia di Lugo, è uno dei punti più popolari del Cammino Francese, dato che ogni anno migliaia di pellegrini decidono di iniziare qui il loro pellegrinaggio. Questo comune dista circa 116 chilometri da Santiago de Compostela, la distanza minima richiesta per ottenere la Compostela.

Questa città ha radici che risalgono all’epoca romana e che hanno lasciato il segno nel suo patrimonio storico e architettonico. Se siete interessati, potete visitare la Chiesa di Santa Mariña, risalente al XIII secolo, la Chiesa di Santiago e il Monastero della Magdalena.

Portomarín

È un villaggio situato nella provincia di Lugo. Nel Medioevo era un punto cruciale del Cammino di Santiago, poiché in questo piccolo villaggio rurale i pellegrini attraversavano il fiume Miño in barca per proseguire il loro pellegrinaggio verso Santiago de Compostela.

Una delle tappe più significative della storia di Portomarín si è verificata negli anni ’60, quando si decise di costruire un bacino sul fiume Miño per generare energia idroelettrica. Ciò significava che Portomarín sarebbe stata sommersa dalle acque del bacino. Di conseguenza, la città fu spostata in una posizione più alta e sicura. Per preservare la sua storia e il suo patrimonio, molti degli edifici storici, tra cui la Chiesa di San Juan, furono smontati pietra per pietra e ricostruiti nella nuova posizione.

Oggi, questa stessa chiesa rimane un importante punto di riferimento e le rovine dell’antica fortezza ricordano la storia strategica della città.

Palas de Rei

Palas de Rei
Palas de Rei ha un grande patrimonio culturale e monumentale.

Anch’essa situata nella provincia di Lugo, questo paesino ha origini medievali, essendo stato fondato in un bivio che faceva parte della rete di rotte commerciali e di pellegrinaggio che convergevano verso Santiago de Compostela.

Il paese possiede una serie di chiese e monumenti religiosi che riflettono la sua storia legata al pellegrinaggio. La Chiesa di San Tirso, di origine romanica, è uno dei principali esempi. Questa chiesa ha un’impressionante pala d’altare barocca e che è stata restaurata per preservare la sua bellezza storica.

Arzúa

Arzúa
Arzúa si definisce la “terra del formaggio” in riferimento al formaggio prodotto con latte vaccino a denominazione di origine Arzúa-Ulloa.

Arzúa è un piccolo paesino rurale della provincia di A Coruña. Con l’aumento dei pellegrinaggi nel Medioevo, in questo villaggio furono costruiti ospedali per pellegrini, come l’ospedale di Ribadiso da Ponte o il convento della Magdalena, che fornivano assistenza ai pellegrini. Dal XX secolo, questo villaggio deve il suo sviluppo economico all’espansione dell’industria lattiero-casearia e alla produzione di formaggi e derivati. È anche uno dei punti più noti del Cammino Francese, per la sua vicinanza a Santiago de Compostela.

Tra i suoi monumenti figurano la cappella della Maddalena, la chiesa di Santiago de Arzúa e il Centro de Divulgación do Queixo e do Mel.

O Pedrouzo

Conosciuto anche come “A Rúa do Peregrino”, è un piccolo paesino della provincia di A Coruña. Si trova sull’ultima tappa del Cammino francese. La sua storia è strettamente legata al percorso del Cammino di Santiago e al flusso di pellegrini nel corso dei secoli.

Nel corso del tempo, l’arrivo di pellegrini in gran numero ha contribuito allo sviluppo della zona. Per soddisfare la crescente domanda sono stati creati alberghi, ostelli, ristoranti e altri servizi per i pellegrini.

Oggi il comune rimane un punto vitale nell’esperienza del Cammino di Santiago, dove i pellegrini possono riposare e connettersi con altri viaggiatori prossimi a Santiago de Compostela.

Luoghi e monumenti da visitare lungo il Cammino Francese da Sarria

Chiesa di San Nicolás de Portomarín

Iglesia de San Nicolás
La chiesa di San Nicolás conserva due rosoni che mostrano chiaramente la transizione tra il periodo romanico e quello gotico in cui fu completata la costruzione.

Questa chiesa fu costruita nel XII secolo. In passato la chiesa si trovava nella parte antica della valle di Portomarín, ma durante la costruzione del bacino di Belesar negli anni Sessanta fu smontata pietra per pietra e ricostruita in una posizione più elevata per evitare che fosse sommersa dalle acque.

Il suo campanile è uno degli elementi più importanti e offre una vista panoramica sul bacino di Belesar e sulla zona circostante.

Castro di Castromaior

Questo castro si trova nel comune di Castromaior. La sua posizione tra Portomarín e Palas de Rei permette di godersi una vista panoramica sulla riva destra del fiume Minho. Presenta inoltre un intricato sistema di fossati, mura, bastioni e palizzate che circondano l’accesso all’insediamento.

Il castro è stato allestito per la visita di turisti e curiosi interessati all’archeologia. Inoltre, nel sito archeologico sono stati effettuati lavori di restauro e conservazione per preservare le strutture e consentire ai visitatori di comprendere meglio la sua storia.

Il Cabazo e la Chiesa di Santa María de Leboreiro

La chiesa di Santa María è in stile gotico, anche se permangono concetti e motivi decorativi caratteristici dello stile romanico. Sulla sua facciata si trova una scultura della Vergine in altorilievo e, proprio di fronte, la facciata dell’antico ostello dei pellegrini fondato dalla famiglia Ulloa nel XII secolo.

Di fronte alla chiesa si trova il Cabazo, un granaio a forma di cesto che veniva utilizzato per conservare il mais, come un hórreo primitivo. Questo edificio è un esempio dell’ ingegneria tradizionale galiziana, che si adatta all’ambiente e alle esigenze di conservazione del raccolto.

Ponte di Ribadiso

Questo ponte di origine medievale risale al XII secolo ed è stato nel tempo un punto di passaggio essenziale per i pellegrini del Cammino, poiché la sua posizione strategica sul fiume Iso contribuisce alla sua importanza storica. È costituito da un unico arco semicircolare ed è costruito in muratura di granito.

Eremo di San Andrés a O Pedrouzo

L’Eremo di San Andrés è di origine medievale (tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo). È costruito in stile mudéjar e ha un aspetto solido e massiccio. All’interno spiccano la scultura di San Andrés e una pala d’altare barocca del XVII secolo. La sua architettura e la sua posizione in un ambiente naturale evidenziano il legame tra fede, storia e natura che caratterizza l’esperienza del Cammino di Santiago.

Luoghi alternativi da scoprire lungo il Cammino Francese da Sarria

Monforte de Lemos

Situata nella Ribeira Sacra, terra in cui regna sovrana l’uva mencía, questa cittadina conserva ancora gli echi della grande città che fu nel Medioevo. Monforte de Lemos conserva anche le mura medievali dell’antico castello di San Vicente e vanta un imponente Parador de Turismo che ospitava il palazzo dei potenti conti di Lemos.

Potete visitarlo al vostro arrivo a Sarria, poiché si trova a mezz’ora di auto dal centro della città.

Lugo

La città di Lugo si trova nell’omonima provincia; sebbene le sue origini risalgano all’epoca celtica, la città ha vissuto il suo periodo di massimo splendore durante il Medioevo. Oggi Lugo è una città contemporanea che conserva ancora elementi di questo periodo integrati con la città. La Muraglia di Lugo, che delimita la città, la sua Cattedrale, la Domus del Mitreo o il suo ponte romano sono alcuni di questi.

Potete visitare Lugo passando per Portomarín, che dista solo 28 minuti di auto dal centro della città.

Storia Cammino di Santiago da Sarria

Anche se il Cammino Francese è l’itinerario più popolare, non significa che sia il più antico, infatti questo onore spetta al Cammino Primitivo, come indica il suo nome.

Il Cammino Francese è nato come porta d’accesso per i pellegrini provenienti dalla Francia (e da altri Paesi del Nord Europa) durante il periodo della Riconquista. A partire dall’XI secolo, questo itinerario divenne il più frequentato. Non a caso, i re Sancho III El Mayor e Alfonso VI sfruttarono l’antica strada romana da Astorga a Bordeaux, modificando il percorso per rafforzare la frontiera cristiana contro i regni musulmani della penisola iberica dopo la recente conquista di questi territori.

Con la nascita di nuove città lungo il percorso, si creò un effetto di richiamo da parte dei nuovi coloni franchi che portarono artigianato e commercio, arricchendo l’economia di queste città e favorendone lo sviluppo. La creazione di infrastrutture che ne derivò facilitò il transito di pellegrini provenienti da tutta Europa, determinando uno sviluppo sociale, economico, artistico e culturale.

La fama del Cammino Francese si diffuse a partire dal XII secolo, quando il monaco francese Aymeric Picaud scrisse il Codice Calixtino (Codex Calixtinus in latino), considerato la prima guida del Cammino di Santiago. Questo libro descrive il percorso, i punti di partenza e di arrivo delle tappe, i santuari, gli ospedali per i pellegrini, il carattere della gente del posto e le usanze di ogni territorio.

A partire dal XVII secolo, il Cammino di Santiago andò in declino a causa di eventi come la Riforma protestante di Lutero, che provocò una crisi di fede in Europa, o le confische liberali del XIX secolo, che portarono carestie, pestilenze e disordini politici. I pellegrinaggi e le risorse ad essi destinate passarono in secondo piano.

Gli ultimi decenni del XX secolo sono stati fondamentali per la rinascita e il rafforzamento del Cammino di Santiago. Questo percorso ha recuperato tutta la sua vitalità grazie anche al lavoro di enti pubblici e associazioni del cammino, che hanno migliorato la segnaletica e le strutture.

Suggerimenti se avete intenzione di fare Cammino di Santiago da Sarria

Qual è il periodo migliore per fare questo percorso?

Pellegrini a Sarria
La primavera e l’autunno offrono le condizioni climatiche più favorevoli per le escursioni.

Il periodo migliore per percorrere il Cammino Francese da Sarria dipende dalle preferenze personali di ogni pellegrino e dalle sue condizioni di viaggio. Ogni stagione ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Il nostro consiglio è di percorrere il Cammino francese da Sarria in primavera o in autunno. In queste date l’afflusso di pellegrini è minore rispetto all’estate, i servizi funzionano a pieno regime e trovare alloggio e trasporti non sarà un problema. Inoltre, in queste due stagioni le condizioni meteorologiche sono più favorevoli al cammino.

La regione autonoma della Galizia è influenzata dal clima oceanico. Le temperature sono miti nelle zone costiere e più estreme nell’entroterra, sia nei mesi estivi che in quelli invernali. In alcuni giorni di Gennaio e Febbraio le temperature possono scendere a 0ºC. D’altra parte, le precipitazioni sono leggere e intermittenti in autunno e primavera e abbondanti in inverno.

Consigli per il Cammino Francese da Sarria

Fare questo percorso è un’esperienza alla portata di tutti se viene pianificata correttamente. Inoltre, prima di intraprendere questa avventura, è bene tenere in considerazione diversi aspetti:

  • Allenarsi fisicamente se non si è abituati a camminare per lunghe distanze. Fate una passeggiata quotidiana 2 o 3 mesi prima di iniziare il pellegrinaggio.
  • Non caricate lo zaino di cose inutili, ma prendete solo l’essenziale. Questo vi aiuterà a evitare la fatica e lo stress.
  • Scegliete calzature che avete già usato in passato. L’opzione migliore è un paio di scarponcini da trekking leggeri e comodi, bassi o a metà polpaccio.
  • Bevete 250-500 ml di acqua mezz’ora prima di iniziare a camminare. Inoltre, cercate di mangiare cibi ricchi di carboidrati e minerali che vi aiuteranno a recuperare le energie dopo una lunga giornata di esercizio fisico.

Se avete bisogno di informazioni più dettagliate, potete accedervi qui. Ricordate che ogni pellegrinaggio è unico e personale, prendetevi il tempo necessario per godervi questa esperienza.

Buen Camino!

Perché prenotare con Galiwonders?

A modo vostro. Su misura.

Progetteremo un itinerario su misura per le vostre esigenze, preferenze e budget e prenoteremo tutti i servizi per voi. Voi vi godete il viaggio.

Siamo su El Camino

La Galizia è la nostra casa. Abbiamo percorso tutti gli itinerari del Camino e abbiamo contatti diretti con i fornitori di servizi del Camino.

Siamo anche viaggiatori

Parliamo diverse lingue, abbiamo vissuto all'estero e abbiamo anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi per persone provenienti da tutto il mondo.

Un'esperienza indimenticabile

Centinaia di pellegrini ripetono anno dopo anno l'esperienza di viaggiare con noi. Vogliamo che anche voi siate uno di loro. Per questo ci impegneremo a rendere il vostro viaggio unico e indimenticabile.

Se avete domande o volete pianificare la vostra esperienza,
Il nostro team si occuperà personalmente di voi!
Richiedi ir tuo itinerario su misura
Compilate il modulo e riceverete il preventivo nella vostra e-mail entro 24-48 ore.
Solicita tu itinerario
Rellena el formulario y recibirás el presupuesto en tu email en 24-48h.
×

Atención comercial | Commercial Attention

×