Cammino Primitivo

Dove storia, natura e sfida si incontrano in un percorso autentico e tonificante.

Sul Camino Primitivo, l’autenticità storica si fonde con la bellezza naturale e la sfida che ogni pellegrino cerca. Questo cammino è più di un viaggio, è un’esperienza che ti porterà indietro nel tempo, seguendo le orme dei primi pellegrini che si avventurarono a Santiago de Compostela.

Itinerari popolari del Cammino Primitivo,Itinerari popolari del Cammino Primitivo

Camino Primitivo desde Lugo
100 Km
Lugo
5 Tappe
6 Notti
da 580 €
Vedere
Cow on the Primitive Way
314 Km
Oviedo
14 Tappe
15 Notti
da 1225 €
Vedere

Distanza e punti di partenza in Cammino Primitivo

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
314 Km 14 Etapas 15 Noches 5/5 Oviedo

Asturias en el Camino Primitivo
Capitale del Principado de Asturias, Oviendo vata un’architettura imponente, musei, parchi e una grande tradizione gastronomica.

Situata nel nord della Spagna, Oviedo è la capitale del Principato delle Asturie. Oviedo è una città moderna e vivace, che combina il patrimonio storico con una vivace atmosfera urbana. I suoi monumenti includono la Cattedrale di Oviedo, Santa María del Naranco, il Monastero Reale di San Pelayo e l’Acquedotto dei Pilastri.

Le sue origini risalgono al I secolo a.C., quando la città fu fondata come insediamento romano. Dopo la caduta dell’Impero Romano, Oviedo passò attraverso varie fasi di dominazione, tra cui quella visigota e quella musulmana. Tuttavia, fu nel VII secolo che la città raggiunse una grande importanza grazie al re asturiano Alfonso II.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
245 Km 11 Etapas 12 Noches 5/5 Tineo

Tineo en el Camino Primitivo
Nota per il suo patrimonio storico e culturale, Tineo si distingue per la bellezza naturale dei suoi paesaggu verdi e montuosi.

La città di Tineo si trova nel sud-ovest delle Asturie, in un paesaggio naturale incomparabile di montagne e valli, che la rende una zona ideale per le attività all’aria aperta. La sua importanza storica risale all’Impero Romano e ha vissuto un periodo di grande splendore tra il XII e il XV secolo grazie all’afflusso di pellegrini che passavano per il comune nel loro cammino verso Santiago de Compostela.

Possiede un ricco patrimonio artistico e culturale, che comprende numerosi palazzi e chiese, come il Monastero di Santa María la Real de Obona, dichiarato Bene di Interesse Culturale.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
198 Km 9 Etapas 10 Noches 5/5 Berducedo

Berducedo en el Camino Primitivo
Immerso in un paesaggio rurale di verdi pascoli, si trova Berducedo, luogo di passaggio per migliaia di pellegrini che percorrono il Cammino Primitivo

La storia di Berducedo è legata al Cammino di Santiago e al suo ruolo di luogo di sosta e di rifornimento per i pellegrini che percorrono questo itinerario fin dal Medioevo. In questo periodo furono costruiti rifugi e ostelli per ospitare i viaggiatori.

Questa piccola città, situata nella regione autonoma delle Asturie, è oggi un luogo tranquillo e pittoresco, circondato da montagne e paesaggi impressionanti. Le sue attrazioni turistiche includono la chiesa di Santa María de Berducedo.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
149 Km 7 Etapas 8 Noches 4/5 A Fonsagrada

A Fonsagrada en el Camino Primitvo
A Fonsagrada è una delle località piu importanti del Cammino Primitivo prima di raggiungere Santiago de Compostela, poichè si trova a soli 160 km dalla fine del percorso.

Nella provincia di Lugo, parte della Riserva della Biosfera Eo-Oscos e Terras de Burón, si trova A Fonsagrada, un grande comune galiziano con un legame speciale con il Cammino di Santiago.

Il Cammino Primitivo è il filo conduttore attorno al quale si trovano alcuni dei monumenti più importanti del suo ricco patrimonio, come l’antico ospedale di Fonfría o la chiesa di Santa María.

 

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
100 Km 5 Etapas 6 Noches 3/5 Lugo

Lugo en el Camino Primitivo
Il ponte romano di Lugo o ponte vecchio, è un ponte di origine romana che ha subito numerose ricostruzioni nel corso dei secoli XII, XIV, XVIII.

La città di Lugo si trova nella provincia di Lugo, in Galizia. Sebbene le sue origini risalgano all’epoca celtica, la città ha vissuto il suo periodo di massimo splendore durante il Medioevo. Oggi Lugo è una città contemporanea che conserva ancora elementi di questo periodo integrati nella città. La Muraglia di Lugo, che delimita la città, la sua Cattedrale, la Domus de Mitreo o il suo ponte romano sono alcuni di questi.

Mappa Cammino Primitivo

Mappa del Cammino Primitivo

Tappe Cammino Primitivo

Tappa 1
25 km
3/5
4h15m
Tappa 2
22 km
2/5
5h30m
Tappa 3
20 km
3/5
5h
Tappa 4
21 km
2/5
5h15m
Tappa 5
29 km
4/5
7h45m
Tappa 6
20 km
3/5
5h
Tappa 7
25 km
3/5
6h45m
Tappa 8
24 km
3/5
7h45m
Tappa 9
30 km
4/5
7h15m
Tappa 10
26 km
2/5
6h30m
Tappa 11
20 km
2/5
5h
Tappa 12
14 km
2/5
3h50m
Tappa 13
19 km
2/5
4h30m
Tappa 14
19 km
2/5
4h30m

Livello di difficoltà Cammino Primitivo

Profilo di difficoltà del percorso Cammino Primitivo

Il Cammino Primitivo è un percorso di difficoltà medio-alta. Tuttavia, è forse il percorso più impegnativo dal punto di vista fisico. Bisogna tenere presente che il livello di difficoltà di questo percorso può variare a seconda del punto di partenza, di come si decide di suddividere le tappe, delle proprie condizioni fisiche e delle condizioni meteorologiche del momento.

Distanza

L’intero Cammino Primitivo è lungo circa 314 chilometri a partire da Oviedo. Tuttavia, questo percorso può essere completato anche in meno chilometri se si decide di partire da un altro punto più vicino a Santiago, come Lugo o A Fonsagrada. La distanza percorsa ogni giorno può influire sulla sensazione di difficoltà, quindi è importante pianificare tappe adatte al proprio livello di preparazione fisica.

Il terreno

Il terreno del Camino Primitivo è vario e può essere impegnativo in alcuni tratti. Si trovano strade asfaltate (anche se poche), sentieri forestali, piste sterrate, terreni montuosi e sentieri rocciosi.

Questo percorso può essere particolarmente difficile per i ciclisti a causa della mancanza di infrastrutture specifiche come le piste ciclabili. Va inoltre notato che durante i mesi invernali il fango inonda alcune parti del percorso, il che può essere uno svantaggio.

Sentieri forestali lungo il Cammino Primitivo
Sentieri forestali lungo il Cammino Primitivo.

Pendenza

Il Cammino Primitivo presenta notevoli pendenze rispetto ad altri percorsi. Da Oviedo a Lugo è un tipico percorso di media montagna, ad eccezione della discesa al bacino del Salime (dove l’altitudine scende da quasi 1000 metri a 300 metri) e della salita al Puerto de Palo (dove l’altitudine sale a quasi 800 metri), non ci sono grandi pendenze da superare in una sola volta. Tuttavia, il percorso è un continuo saliscendi con tutti i tipi di terreno.

Il percorso e la segnaletica del Cammino Primitivo

Il percorso del Cammino Primitivo è ben segnalato e si può fare seguendo i cartelli che indicano il percorso: i cippi di pietra, l’iconica piastrella a forma di conchiglia di smerlo sulle facciate degli edifici o delle costruzioni urbane, le frecce gialle, i smerli di bronzo incastonati nei pavimenti delle strade…

Vi raccomandiamo di cercare questi segnali nella geografia urbana o rurale per poter seguire il Cammino di Santiago, perché a volte possono essere nascosti o coperti da qualche elemento come automobili o persone, facendovi seguire la strada sbagliata. Se arrivate a un incrocio senza indicazioni e non sapete come proseguire, vi consigliamo di tornare all’ultimo cartello che avete visto per cercare di riorientarvi.

Nota importante:

Nelle Asturie è necessario seguire la smerlatura nella direzione in cui si chiude, cioè nella direzione della base della smerlatura (come una freccia immaginaria). In Galizia è il contrario, bisogna sempre seguire la parte aperta della conchiglia, cioè la parte semicircolare grande. Inoltre, è abbastanza comune che le capesante siano accompagnate da una freccia gialla, quindi non avrete difficoltà a seguire il percorso.

Cosa fare e vedere al Cammino Primitivo?

Questo percorso è considerato uno degli itinerari del Cammino di Santiago con maggiore bellezza paesaggistica, in quanto i suoi verdi paesaggi dall’alto regalano scorci da conservare nella memoria. Grazie a ciò, nel 2015 è stato riconosciuto dall’UNESCO, insieme al Cammino del Nord, come Patrimonio dell’Umanità, la più alta onorificenza che un bene culturale possa ricevere.

Il percorso attraversa decine di foreste, fiumi, montagne, villaggi, fiumi, torrenti, valli, colline e pascoli con bestiame. Inoltre, la maggior parte del percorso è in mezzo alla natura, quindi difficilmente si cammina su strade percorse da veicoli.

La solitudine di alcuni tratti rende il Cammino Primitivo un paradiso per chi cerca di esplorare e riscoprire il proprio io. È uno dei percorsi più belli e tranquilli di tutta la penisola.

Dove passa il Cammino Primitivo di Santiago?

Il percorso completo del Cammino Primitivo di Santiago da Oviedo è lungo circa 314 chilometri. Il percorso inizia proprio all’ingresso della Cattedrale di Oviedo e attraversa l’interno del Principato delle Asturie fino a entrare in Galizia, attraversando il Massiccio Galaico per raggiungere Fonsagrada. Da qui il Cammino prosegue verso Santiago de Compostela passando per Lugo fino a Melide, a circa 55 chilometri dalla Cattedrale di Santiago. Qui il Cammino Primitivo si unisce al Cammino Francese e condivide lo stesso percorso fino a Santiago.

Alcune delle città lungo il Cammino Primitivo sono::

Oviedo

Questa città, situata nel nord della Spagna, è la capitale del Principato delle Asturie. Oviedo è una città moderna e vivace, che combina il patrimonio storico con una vivace atmosfera urbana. I suoi monumenti includono la Cattedrale di Oviedo, Santa María del Naranco, il Monastero Reale di San Pelayo e l’Acquedotto dei Pilastri.

Le sue origini risalgono al I secolo a.C., quando la città fu fondata come insediamento romano. Dopo la caduta dell’Impero Romano, Oviedo passò attraverso varie fasi di dominazione, tra cui quella visigota e quella musulmana. Tuttavia, fu nel VII secolo che la città raggiunse una grande importanza grazie al re asturiano Alfonso II.

Berducedo

La storia di Berducedo è legata al Cammino di Santiago e al suo ruolo di luogo di sosta e di rifornimento per i pellegrini che percorrevano questo itinerario fin dal Medioevo. In questo periodo furono costruiti rifugi e ostelli per ospitare i viaggiatori.

Questa piccola città, situata nella regione autonoma delle Asturie, è oggi un luogo tranquillo e pittoresco, circondato da montagne e paesaggi impressionanti. Le sue attrazioni turistiche includono la chiesa di Santa María de Berducedo.

Lugo

La città di Lugo si trova nella provincia di Lugo, in Galizia. Sebbene le sue origini risalgano all’epoca celtica, la città ha vissuto il suo periodo di massimo splendore durante il Medioevo. Oggi Lugo è una città contemporanea che conserva ancora elementi di questo periodo integrati nella città. La Muraglia di Lugo, che delimita la città, la sua Cattedrale, la Domus de Mitreo o il suo ponte romano sono alcuni di questi.

Il ponte romano di Lugo
Il ponte romano di Lugo è un ponte di origine romana che ha subito numerose ricostruzioni nei secoli XII, XIV e XVIII.

Melide

Questo comune si trova nella provincia di A Coruña, in Galizia.

Fin dal Medioevo, Melide è stata un importante punto di sosta e d’incontro per i pellegrini del Cammino di Santiago. La città si è sviluppata intorno a questa attività, creando ostelli, locande e servizi per i viaggiatori.

Uno degli aspetti più emblematici di Melide è la sua tradizione gastronomica. Il famoso “Pulpo á feira”, un piatto tipico galiziano composto da polpo cucinato con olio d’oliva, paprika e sale, è un elemento centrale della cultura culinaria di questa regione.

Arzúa

Questa cittadina di origine preromana si trova nella provincia di A Coruña e ha vissuto il suo periodo di splendore nel Medioevo. Qui si trovano l’ospedale di Ribadiso da Ponte e il convento della Maddalena, costruiti in questo periodo per assistere i pellegrini, nonché la chiesa di Santiago de Arzúa, dedicata all’Apostolo.

Oggi Arzúa ha un fiorente tessuto industriale e uno dei più importanti settori agricoli e zootecnici della Galizia. Lungo il percorso di Arzúa si può visitare il Centro de Divulgación do Queixo e do Mel.

Altre città importanti del Cammino Primitivo di Santiago sono: Grado, Salas, Tineo, Pola de Allande, Grandas de Salime, A Fonsagrada, Cádavo Baleira, Ferreira e O Pedrouzo.

Monumenti da non perdere sul Cammino Primitivo

Cattedrale di San Salvador a Oviedo

La cattedrale di Oviedo
La cattedrale gotica di Oviedo, nota anche come Sancta Ovetensis, in riferimento alla qualità e alla quantità di reliquie che contiene.

La Cattedrale di San Salvador di Oviedo, in stile gotico, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1998. È conosciuta anche come Sancta Ovetensis, in riferimento alla qualità e alla quantità di reliquie che contiene. Un detto popolare dice dei pellegrini che “chi va a Santiago e non al Salvatore, visita il servo e dimentica il Signore”.

Monastero di San Salvador de Cornellana

Il Monastero di San Salvador si trova nella città asturiana di Cornellana. La creazione di questo monastero risale al 1024, quando l’Infanta Cristina, figlia del re Bermudo II e della regina Velasquita di León, donò un gruppo di proprietà e una chiesa che erano state costruite dal marito Ordoño Ramírez il Cieco.

Con lo smantellamento di Mendizábal nel XIX secolo, il monastero fu espulso e i monaci espulsi, il che portò alla perdita di gran parte del suo patrimonio artistico e culturale. Nel 1931 fu dichiarato Monumento Nazionale e, una volta terminata la Guerra Civile, l’architetto Luis Menéndez Pidal fu incaricato di realizzare i progetti di restauro.

Collegiata di Santa María la Mayor de Salas

La Collegiata di Santa María la Mayor è un tempio cristiano situato nel comune di Salas, nel Principato delle Asturie. Questo edificio del XVI secolo era originariamente destinato a essere un pantheon familiare. Tuttavia, ha finito per diventare un edificio parrocchiale dopo essere stato ceduto dai duchi di Alba nel 1894. La collegiata è stata dichiarata Monumento Storico-Artistico e Bene di Interesse Culturale per la sua rilevanza storica e architettonica. Ancora oggi è un luogo di culto attivo.

Monastero di Santa Maria la Real de Obona

Il Monastero di Santa María de la Real è un tempio benedettino situato nella città asturiana di Obona. Anche se la sua origine non è chiara, poiché ci sono dubbi sulla veridicità del suo documento di fondazione. Durante il Medioevo divenne un importante centro religioso e culturale.

La Muraglia di Lugo

La muraglia romana di Lugo
La muraglia romana di Lugo circondano il centro storico della città.

La Muraglia di Lugo è una struttura difensiva situata nella città di Lugo, in Galizia. È uno dei monumenti romani più preziosi e meglio conservati della penisola iberica ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2000.

Fu costruito tra la fine del III secolo e l’inizio del IV secolo a.C.. Le mura furono erette allo scopo di difendere l’antica città di Lucus Augusti da possibili minacce esterne. Nel corso dei secoli, le mura hanno subito diverse modifiche per adattarsi alle esigenze difensive di ogni periodo.

Altri monumenti che si possono scoprire lungo il Cammino Primitivo sono: l’Università di Oviedo, il Palazzo dei Cienfuegos de Peñalba, la chiesa parrocchiale di El Salvador de Grandas de Salime, la necropoli di Chao Samartín e il Porto di Acebo.

Luoghi alternativi da scoprire nel Cammino Primitivo

Se siete tra coloro che amano vedere posti nuovi e che hanno intenzione di prenotare notti extra per conoscere la storia e l’architettura durante il Cammino, ecco alcuni luoghi interessanti vicino alla strada che potreste visitare durante il vostro pellegrinaggio sul Cammino di Santiago Primitivo

Santa Maria del Naranco

Santa María del Naranco è un antico palazzo di piacere situato a Oviedo, nelle Asturie. Questo gioiello architettonico risale all’842 e presenta uno stile preromanico noto come “asturiano” o “ramirense”. È stato dichiarato monumento nazionale nel 1885 e patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1985. La città più vicina a questo palazzo è Oviedo, poiché il monumento dista 11 minuti di auto o 45 minuti a piedi dal centro della città.

Il percorso degli ospedali

Le rovine di 3 ospedali per pellegrini si trovano su una deviazione del Cammino Primitivo nota come Cammino degli Ospedali. Questa variante si spinge più a nord dell’attuale percorso ufficiale e inizia a poco più di un chilometro da Borres, ricongiungendosi alla strada principale a Puerto del Palo. Il percorso, ben segnalato, si snoda per la maggior parte al di sopra dei 1.100 metri di altitudine.

La deviazione si trova nella tappa tra i comuni di Tineo e Pola de Allande.

Punto panoramico di Paicega

Se amate la fotografia e siete sempre alla ricerca dell’istantanea perfetta, non potete perdervi il belvedere di Paicega. Il sentiero per raggiungere questo belvedere inizia nel comune di Pesoz e sale attraverso il bosco (e qualche strada) fino a raggiungere la vista panoramica sul bacino di Grandas de Salime e sul fiume Navia.

Il bacino di Salime
Il bacino di Salime, situato sul fiume Navia, è stato inaugurato nel 1955.

Se desiderate visitarlo, potete farlo passando per Grandas de Salime, che dista solo 13 minuti in auto.

Storia Cammino Primitivo

Il percorso che il re Alfonso II intraprese da Oviedo nel IX secolo, per verificare di persona la scoperta dei resti dell’Apostolo, è noto come Cammino Primitivo di Santiago.

Questa via di pellegrinaggio fu molto frequentata dagli asturiani e dai galiziani per gran parte del IX e del X secolo e attirò anche pellegrini da altre parti del nord della Spagna e dell’Europa. Anche il re Alfonso III il Grande, successore di Alfonso II, percorse questo itinerario in due occasioni.

Durante l’XI e il XII secolo, León divenne la nuova capitale del regno delle Asturie e la monarchia scelse il Cammino Francese come itinerario principale. Ciononostante, il Cammino Primitivo continuò a essere un’alternativa per i pellegrini che non volevano perdersi le reliquie delle cattedrali di Oviedo e Lugo. Allo stesso modo, l’importanza di questo itinerario è ancora visibile nei resti degli ospedali per pellegrini che si trovano lungo questo percorso.

A partire dal XVII secolo, il Cammino di Santiago in generale andò in declino con l’arrivo di eventi come la Riforma protestante di Lutero o le confische liberali del XIX secolo. Questo insieme di eventi portò malattie e disordini politici che relegarono i pellegrinaggi in secondo piano.

La sua rinascita nei secoli XX e XXI è dovuta agli sforzi delle Amministrazioni pubbliche e delle Associazioni del Cammino di Santiago, che hanno migliorato la segnaletica e le infrastrutture.

Alfonso II e la Cattedrale di Santiago

Alfonso II fu il re che ordinò la costruzione di una cappella nel luogo in cui furono ritrovati i resti dell’apostolo San Giacomo. Per fare ciò, il re fece una donazione di tre miglia di terra situate intorno alla tomba dell’apostolo. Queste terre furono conosciute come la signoria di Santiago e furono abitate dai primi monaci del luogo.

Alfonso II chiese anche la creazione di una comunità monastica incaricata di custodire i resti dell’apostolo San Giacomo. Nacque così San Salvador de Antealtares, il primo monastero di Compostela e l’attuale convento di San Paio.

A questo re si attribuisce anche la creazione della leggenda di Santiago Matamoros. A quel tempo la Spagna era occupata dai musulmani e la parte cristiana dell’antica Spagna era confinata nel nord della penisola. Alfonso II approfittò della scoperta dei resti del santo per trasformarlo in un emblema della lotta contro l’Islam. Con ciò, il re intendeva riarmare ideologicamente e moralmente il regno asturiano-leonese di fronte all’avanzata delle truppe musulmane.

La prima cappella costruita dal re Alfonso II subì modifiche e divenne una chiesa nell’829 e una chiesa preromanica nell’899, costruita dal figlio Alfonso III il Grande.

Meno di un secolo dopo, fu distrutta dalle truppe di Almanzor. Nel 1075, sotto il regno di Alfonso VI e il patrocinio del vescovo Diego Peláez, iniziò la costruzione dell’attuale Cattedrale di Santiago de Compostela.

Suggerimenti se avete intenzione di fare Cammino Primitivo

Qual è il periodo migliore per percorrere questo itinerario?

Consigliamo di percorrere il Cammino Primitivo in primavera, estate e autunno, perché è in questi periodi che le condizioni climatiche sono più favorevoli per percorrere questo itinerario giacobeo.

Le regioni autonome delle Asturie e della Galizia hanno un clima oceanico caratterizzato da estati miti e piovose e inverni freddi e piovosi. Le precipitazioni sono abbondanti durante tutto l’anno e la temperatura dell’aria è generalmente moderata, con una media annuale compresa tra 10 e 15 gradi Celsius.

A meno che non siate esperti alpinisti o escursionisti, non vi consigliamo di percorrere questo itinerario in inverno, poiché attraversa zone di alta montagna con condizioni climatiche estreme: neve, piogge abbondanti, vento… Inoltre, essendo bassa stagione, la disponibilità di servizi turistici è minore rispetto ad altri itinerari, come il Cammino francese, e alcuni non sono aperti durante i mesi invernali.

Consigli per camminare sul Cammino Primitivo

Il Cammino Primitivo è uno dei percorsi migliori per scoprire le bellezze paesaggistiche che l’entroterra della Spagna settentrionale ha da offrire. Sebbene richieda una maggiore preparazione fisica rispetto ad altri pellegrinaggi, questo percorso è un’esperienza alla portata di tutti se ben pianificato. Inoltre, ci sono diverse cose da tenere a mente prima di intraprendere questa avventura:

  • Allenarsi fisicamente se non si è abituati a camminare per lunghe distanze. Fate una passeggiata quotidiana 2 o 3 mesi prima di iniziare il pellegrinaggio.
  • Non caricare lo zaino di cose inutili, ma prendete solo l’essenziale. Questo vi aiuterà a evitare la fatica e lo stress.
  • Scegliete calzature che avete già usato in passato. L’opzione migliore è un paio di scarponcini da trekking leggeri e comodi, bassi o a metà polpaccio.
  • Bevete 250-500 ml di acqua mezz’ora prima di iniziare a camminare. Inoltre, cercate di mangiare cibi ricchi di carboidrati e minerali che vi aiuteranno a recuperare le energie dopo una lunga giornata di esercizio fisico.

Se avete bisogno di informazioni più dettagliate, potete accedervi qui. Ricordate che ogni pellegrinaggio è unico e personale, prendetevi il tempo necessario per godervi questa esperienza.

Buen Camino!

Perché prenotare con Galiwonders?

A modo vostro. Su misura.

Progetteremo un itinerario su misura per le vostre esigenze, preferenze e budget e prenoteremo tutti i servizi per voi. Voi vi godete il viaggio.

Siamo su El Camino

La Galizia è la nostra casa. Abbiamo percorso tutti gli itinerari del Camino e abbiamo contatti diretti con i fornitori di servizi del Camino.

Siamo anche viaggiatori

Parliamo diverse lingue, abbiamo vissuto all'estero e abbiamo anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi per persone provenienti da tutto il mondo.

Un'esperienza indimenticabile

Centinaia di pellegrini ripetono anno dopo anno l'esperienza di viaggiare con noi. Vogliamo che anche voi siate uno di loro. Per questo ci impegneremo a rendere il vostro viaggio unico e indimenticabile.

Se avete domande o volete pianificare la vostra esperienza,
Il nostro team si occuperà personalmente di voi!
Richiedi ir tuo itinerario su misura
Compilate il modulo e riceverete il preventivo nella vostra e-mail entro 24-48 ore.
Solicita tu itinerario
Rellena el formulario y recibirás el presupuesto en tu email en 24-48h.
×

Atención comercial | Commercial Attention

×