Cammino Portoghese

Dove natura e storia si intrecciano su ogni sentiero. Una fuga dalla routine quotidiana.

Cerchi un’esperienza che ti faccia disconnettere dal rumore e riconnetterti con la natura? Il Cammino Portoghese Interno ti aspetta. Esplora sentieri tra le rigogliose foreste del nord del Portogallo e le dolci colline che definiscono il confine.

I tour più popolari del Cammino Portoghese

Variante Espiritual del Camino de Santiago
86 Km
Pontevedra
4 Tappe
5 Notti
da 595 €
Vedere
Camino Portugués en bici
217 Km
O Porto
7 Tappe
8 Notti
da 975 €
Vedere
Camino Portugués Fácil
117 Km
Tui
10 Tappe
11 Notti
da 840 €
Vedere
Camino Portugués Superior
113 Km
Tui
6 Tappe
7 Notti
da 910 €
Vedere
Camino Portugués desde Oporto
241 Km
Porto
12 Tappe
13 Notti
da 1085 €
Vedere
Camino Portugués desde Tui
128 Km
Tui
6 Tappe
7 Notti
da 605 €
Vedere

El Camino de Santiago Portugués tradicional encuentra su origen en Lisboa, y va recorriendo el norte de Portugal hasta llegar a Galicia. La entrada en Galicia se hace a través de Tui y, aunque es una senda eminentemente interior, cuenta con algunas etapas en paralelo al mar (concretamente, de Redondela a Pontevedra). No confundir con el Camino Portugués de la Costa, aunque ambas rutas pasan por Oporto, discurren casi en paralelo, y se unen en Redondela, son dos trazados con orígenes diferentes.

Con el auge de las peregrinaciones a Santiago de Compostela en el siglo XII, el fenómeno tuvo gran acogida en Portugal. Los puntos de partida más habituales, eran las principales ciudades del país en ese momento: Lisboa, Porto, Braga, Coimbra… De hecho, se le dedicaron un gran número de iglesias al Santo Apóstol Santiago, y un gran número de personas iniciaron su peregrinación desde tierras portuguesas.

Distanza e punti di partenza in Cammino Portoghese

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
100 Km 10 Etapas 10 Noches 3/5 Lisboa

Lisboa en el Camino Portugués
La città di Lisbona, coronata dall’imponente Castello di San Giorgio.

Bagnata dal fiume Tago, Lisbona è la capitale del Portogallo e una delle città più antiche d’Europa.

La ricchezza culturale e storica di Lisbona si rivela attraverso i suoi monumenti, le strade acciottolate e le piazze. Dalla maestosità della Torre di Belém al Monastero dei Jerónimos, la città conserva le tracce di varie epoche che l’hanno segnata.
Come Roma, ha sette colli ed è coronata dal castello moresco di San Giorgio, uno dei monumenti più emblematici della città, dichiarato monumento nazionale.

La sua ricchezza culturale e storica fa di Lisbona il punto di partenza del Cammino Portoghese. Iniziare questo percorso nella capitale portoghese vi permetterà di conoscere a fondo il Portogallo attraverso le sue città, la sua fauna e la sua flora.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
372 Km 22 Etapas 23 Noches 3/5/5 Coímbra

Coímbra en el Camino Portugués
Dechiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, l’Università di Coimbra è una delle più antiche istituzioni accademiche d’Europa.

Situata nel cuore del Portogallo, Coimbra è stata per più di un secolo l’ex capitale medievale del Portogallo, grazie alla sua importanza storica e culturale durante il Medioevo.

Uno degli edifici più importanti della città è l’università, una delle più antiche istituzioni accademiche d’Europa e patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Il complesso universitario, noto come Paço das Escolas, comprende l’imponente Torre da Universidade, la Cappella di San Michele e altri edifici storici che riflettono l’evoluzione dell’università nel tempo.

I secoli di storia di Coimbra hanno lasciato un’impronta profonda sulla città. Dalle fortificazioni moresche, agli edifici gotici e romanici, alle cattedrali, ai racconti e alle leggende, Lisbona è un tesoro di storia portoghese.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
250 Km 15 Etapas 16 Noches 3/5/5 O Porto

Porto en el Camino Portugués
Patrimonio dell’Umanità, Porto è un tesoro culturale e architettonico sulle rive del fiume Douro.

Situata alla foce del fiume Douro, Porto è il terzo comune più popolato del Portogallo, dopo Lisbona e Vila Nova da Gaia. Il porto di Cale o “Portus Cale” in latino (così veniva chiamata Porto nell’antichità e da cui deriva l’attuale nome del paese di Luso) era una tappa frequente per molte navi francesi grazie alla sua posizione strategica.

Sebbene la sua origine come enclave commerciale risalga all’epoca greca, fu solo in epoca medievale che divenne un’area molto importante per il commercio della zona. Fu anche al centro di alcuni conflitti. Questo portò alla costruzione di una grande muraglia (i cui resti sono visibili ancora oggi) che fu completata alla fine del XIV secolo.

Porto è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità grazie al suo centro storico, uno dei più belli d’Europa. Attualmente, la città di Porto si consolida come secondo luogo di partenza dei pellegrini, dato che, secondo il bilancio del 2019, l’11,32% del totale dei pellegrini giunti a Compostela è partito da qui.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
196 Km 12 Etapas 13 Noches 3/5/5 Barcelos

Barcelos en el Camino Portugués
La città portoghese di Barcelos è strettamente legala al simbolo del Gallo, emblema di fortuna, prosperità e giustiza.

Attraversando l’antico ponte sul fiume Cávado, entriamo a Barcelos, una delle città più importanti nel campo dell’arte minoica e parte della Rete delle Città Creative dell’UNESCO.

Le sue origini risalgono al XII secolo e il suo centro storico ospita monumenti medievali, come le chiese di Bom Jesus da Cruz e Nossa Senhora do Terço, e manieri che riflettono l’architettura e la cultura dell’epoca.

Uno degli elementi più emblematici della regione è il galletto di Barcelos, simbolo dell’identità della regione e dell’intero Portogallo. Questo uccello è legato al Cammino di Santiago grazie a una famosa leggenda in cui salvò la vita a un pellegrino che stava subendo un’ingiustizia durante il suo pellegrinaggio. Da allora, il gallo è associato alla fortuna, alla giustizia e alla prosperità nella cultura portoghese.

Tradotto con DeepL.com (versione gratuita)

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
118 Km 7 Etapas 8 Noches 2/5/5 Tui

Tui en el Camino Portugués
La città di Tuii è stata dichiarata sito storico-artistico ed è considerata ña porta della Galizia sul Cammino Portoghese di Santiago.

Sull’altra sponda del fiume Miño si trova Tui, una piccola città di poco più di 16.000 abitanti. Le sue dimensioni non le hanno impedito di essere una protagonista della storia della Galizia, in quanto divenne la capitale del Regno Svevo e una delle province del Regno di Galizia.

Durante il Medioevo, Tui fu saccheggiata da musulmani e vichinghi, ma quando divenne un maniero vescovile, la città divenne un grande centro religioso e crebbe dal punto di vista amministrativo, commerciale e militare. Oggi Tui conserva ancora in buone condizioni l’insieme storico-artistico della città medievale dell’epoca.

La sua posizione di frontiera fa sì che Tui sia considerata la “porta della Galizia” dal Cammino portoghese di Santiago de Compostela. Il Museo Diosano, oggi visitabile, era un tempo un ospedale per i pellegrini.

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
100 Km 6 Etapas 6 Noches 2/5/5 Vigo

Vigo en el Camino Portugués
Vista della città e dell’estuario di Vigo pal Parco Castro, nel cuore della città.

Sulle rive dell’Oceano Atlantico sorge la città con il maggior numero di abitanti della Galizia, Vigo. La sua posizione strategica sulla costa nord-occidentale della penisola iberica le conferisce una grande importanza economica e marittima. Inoltre, il suo porto, uno dei più importante della reggione, non solo facilita il commercio nazionale e internazionale, ma incrementa anche l’attività di pesca.

La architettura di Vigo rappresenta la perffeta fusione tra tradizione e modernità. Il suo centro storico si articola intorno all’antico quartiere di pescatori di O Berbés, di interesse storico-turistico, dove si trovano strade di pescatori e case blasonate. D’altra parte, nel centro città e nei suoi dintorni si trovano alti edifici in stile contemporaneo.

Alla foce dell’estuario di Vigo si trovano le Isole Cíes, un paradiso naturale che fa parte del Parco Nazionale Marittimo-Terrestre della Galizia. A breve distanza in barca dal porto della città, è possibile scoprite le sue spiagge di sabbia bianca, le acque cristalline e le sue scogliere e dune, che ospitano migliaia di uccelli migratori.

Mappa Cammino Portoghese

Mappa del Cammino Portoghese

Tappe Cammino Portoghese

Tappa 1
34 km
9/5
9h
Tappa 2
20 km
1/5
5h
Tappa 3
33 km
3/5
8h
Tappa 5
31 km
3/5
7h 45 min
Tappa 5
30 km
1/5
7h 45 min
Tappa 6
31 km
3/5
8h
Tappa 7
22 km
2/5
5h 30 min
Tappa 8
26 km
2/5
6h 30 min
Tappa 9
11 km
1/5
2h 45 min
Tappa 10
24 km
2/5
6h 15 min
Tappa 11
23 km
2/5
5h 45 min
Tappa 11
15 km
1/5
4h
Tappa 15
15 km
1/5
3h 45min
Tappa 16
27 km
2/5
6h30m
Tappa 17
27 km
2/5
6h45m
Tappa 18
35 km
4/5
8h 30m
Tappa 19
17 km
3/5
4h45m
Tappa 20
19 km
1/5
4h 45m
Tappa 21
32 km
4/5
8h
Tappa 22
20 km
2/5
5h
Tappa 23
21 km
1/5
5h 15m
Tappa 24
19 km
2/5
4h 30m
Tappa 25
24 km
2/5
6h

Livello di difficoltà Cammino Portoghese

Il Cammino Portoghese è considerato un percorso di difficoltà medio-bassa, caratterizzato da un terreno più facile e con poche pendenze. Questo lo rende un’opzione adatta ai pellegrini principianti che cercano un’esperienza meno impegnativa dal punto di vista fisico, alle famiglie con bambini o alle persone anziane.

Tuttavia, il livello di difficoltà di questo percorso può variare a seconda del punto di partenza, delle condizioni fisiche del pellegrino e delle condizioni meteorologiche al momento del viaggio.

Distanza

Il Cammino Portoghese completo da Porto è lungo circa 250 km. Tuttavia, è possibile percorrere meno chilometri se si decide di partire da un altro punto di partenza, come Tui. La distanza percorsa ogni giorno può influire sulla sensazione di difficoltà, quindi è importante pianificare tappe adatte al proprio livello di forma fisica.

Terreno

Lungo il percorso si incontreranno tratti con terreno vario, tra cui sentieri sterrati, strade di campagna, sentieri forestali e tratti asfaltati. In alcuni tratti si possono incontrare terreni sconnessi o rocciosi, ma non dovrebbero rappresentare una grande difficoltà.

Pendenza

Sebbene vi siano tratti in salita e in discesa, le pendenze non sono eccessive, quindi il percorso non dovrebbe essere troppo impegnativo dal punto di vista fisico.

Clima

Il Portogallo settentrionale e la Galizia hanno un clima oceanico. Le temperature sono miti sulla costa (con forti venti in inverno) e più fredde nell’interno durante la stagione invernale. In inverno è frequente che le temperature si abbassino notevolmente, raggiungendo gli 0ºC a gennaio o febbraio. Anche le precipitazioni sono frequenti. Intermittenti e miti in autunno e intense e regolari in inverno.

Cosa fare e vedere al Cammino Portoghese?

Il Cammino portoghese di Santiago offre un’alternativa unica e meno frequentata rispetto al popolare Cammino francese, dando ai pellegrini l’opportunità di immergersi in un viaggio autentico attraverso il Portogallo e la Galizia.

Pellegrini sul Cammino Portoghese

Nel corso dei secoli, il Cammino di Santiago è stato un ponte che ha unito persone di nazionalità e credenze diverse. I sentieri di questo percorso vi porteranno attraverso affascinanti villaggi rurali, città storiche e magnifici paesaggi naturali. Dalla vegetazione rigogliosa del Portogallo settentrionale alle dolci colline e ai vigneti lungo il confine tra i due Paesi, ogni passo è intriso di cultura e storia.

Se siete alla ricerca di un’esperienza arricchente che vi permetta di staccare dalla frenesia della vita quotidiana, il Cammino di Santiago portoghese vi aspetta a braccia aperte.

Dove passa il Cammino Portoghese di Santiago?

Il Cammino Portoghese di Santiago è lungo circa 250 chilometri e inizia a Porto (può essere più breve) e attraversa i distretti portoghesi di Porto, Braga e Viana do Castelo. Una volta in territorio spagnolo, il percorso entra in Galizia attraverso la provincia di Pontevedra e termina a Santiago de Compostela, nella provincia di A Coruña.

Due pellegrini su 10 seguono questo percorso. Per questo motivo è considerato il secondo itinerario giacobeo più popolare, dopo il Cammino francese. Ciò è dovuto in gran parte alla buona infrastruttura di servizi e alla diversità e bellezza paesaggistica di questo percorso. Ecco alcuni delle località più importanti che attraversa:

Porto

Porto, il punto di partenza più popolare dell'itinerario portoghese

Situata alla foce del fiume Douro, Porto è il terzo comune più popolato del Portogallo, dopo Lisbona e Vila Nova da Gaia. Il porto di Cale o “Portus Cale” in latino (così veniva chiamata Porto nell’antichità e da cui deriva l’attuale nome del paese Luso) era una tappa frequente per molte navi francesi grazie alla sua posizione strategica.

Sebbene la sua origine come enclave commerciale risalga all’epoca greca, fu solo in epoca medievale che divenne un’area molto importante per il commercio della zona. Fu anche al centro di alcuni conflitti. Questo portò alla costruzione di una grande muraglia (i cui resti sono visibili ancora oggi) che fu completata alla fine del XIV secolo.

Porto è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità grazie al suo centro storico, uno dei più belli d’Europa. Attualmente, la città di Porto si consolida come secondo luogo di partenza dei pellegrini, dato che, secondo il bilancio del 2019, l’11,32% del totale dei pellegrini giunti a Compostela è partito da qui.

Ponte de Lima

Ponte de Lima è considerata, oggi, la città più antica del Portogallo. Si dice che il Regno del Portogallo sia sorto qui quando Dona Teresa de Leon riconobbe ufficialmente la città come Villa nel 1123 d.C. e suo figlio, il re Alfonso I, fu proclamato primo re del Portogallo.

Durante il Medioevo, Ponte de Lima era un’importante enclave geografica, in quanto tappa obbligata per tutti coloro che si recavano ad Astorga, Braga o Santiago de Compostela.

Il monumento per eccellenza di questo villaggio è il Ponte de Lima (che dà il nome alla città), la cui costruzione risale al XIV secolo. Oggi conserva ancora cinque arcate di un ponte romano originale del V secolo. È anche di grande importanza per il Cammino di Santiago de Compostela, poiché era l’unico punto in cui si poteva attraversare il fiume Lima sul percorso da Braga a Santiago de Compostela.

Valença do Minho

Proprio al confine con la Galizia si trova Valença do Minho, un villaggio situato in posizione strategica sulle rive del fiume Minho. Per secoli è stata la prima linea di difesa contro la vicina Spagna. Per questo motivo, l’architettura militare è ancora predominante nelle sue strade, dove spiccano i suoi 5 chilometri di mura.

Nel Medioevo divenne una città di grande importanza per la sua posizione strategica in cima a una collina, anche se all’epoca il suo nome era Contrasta (“un villaggio di fronte all’altro”), in riferimento alla sua posizione geografica di fronte a Tui. Un’altra delle città più importanti del Cammino Portoghese Originale.

Il monumento più importante è senza dubbio la fortezza. È costituita da due aree fortificate collegate dalle cosiddette Portas do Meio. A sud, il Recinto da Coroada, più piccolo e meno popolato, mentre a nord, il Recinto da Vila, ospita il nucleo medievale, il più antico del complesso. Nel 1928 fu classificato come Monumento Nazionale, il che significò l’inizio di una grande attività turistica e commerciale, rafforzata dall’ascesa del Cammino Portoghese.

Tui

Sull’altra sponda del fiume Miño si trova Tui, una cittadina di poco più di 16.000 abitanti. Le sue dimensioni non le impedirono di essere una protagonista della storia della Galizia, poiché divenne la capitale del regno svevo e una delle province del Regno di Galizia.

Durante il Medioevo, Tui fu saccheggiata da musulmani e vichinghi, ma quando divenne un maniero vescovile, la città divenne un grande centro religioso e crebbe dal punto di vista amministrativo, commerciale e militare. Oggi Tui conserva ancora in buone condizioni l’insieme storico-artistico della città medievale dell’epoca.

Grazie alla sua posizione di confine, Tui è considerata la “porta della Galizia” nel Cammino di Santiago portoghese. Il Museo Diosano, oggi visitabile, era un tempo un ospedale per pellegrini.

Pontevedra

La città di Pontevedra fu fondata, secondo la leggenda, da Teucro de Troya, anche se la storia dice che la sua origine è in realtà dovuta a un insediamento lacustre neolitico, che aveva il fiume Lérez come canale di ricchezza e difesa.

La posizione strategica del fiume Lérez ne favorì lo sviluppo nel corso dei secoli e così, durante l’Impero Romano, vi si sviluppò un centro abitato. Fu costruito anche il ponte Puente del Burgo, che permise di attraversare il fiume con la Via XIX che collegava Braga ad Astorga, di cui si conservano ancora tratti di strada e lungo la quale corre ancora oggi il Cammino Portoghese. Durante il Medioevo e anche ai giorni nostri, Pontevedra è considerata una città importante per la comunità dei pellegrini.

Ponte do Burgo passando per Pontevedra

Caldas de Reis

Caldas de Reis è una città di poco meno di 10.000 abitanti ed è nota per essere una delle città termali per eccellenza della Galizia. Infatti, in epoca romana era chiamata Aquae Celenis per la qualità delle sue acque. Il suo nome attuale è dovuto al fatto che fu il luogo di nascita di Alfonso VII di Borgogna, che sarebbe diventato il re dell’Impero Leonense.

Nel Medioevo, in questo villaggio fu costruito un ospedale per pellegrini, di proprietà dell’Arcivescovado di Santiago, e furono erette numerose chiese romaniche legate al Cammino portoghese di Santiago de Compostela, tra cui una dedicata a San Tommaso di Canterbury.

Padrón

La storia di Padrón inizia nel 70 d.C., quando si chiamava ancora Iria Flavia. In quell’anno, Flavio Vespasiano le concesse lo Ius Latii (“diritto latino”), che le permise di prosperare e di urbanizzarsi.

Durante l’Impero Romano, Iria Flavia era un porto fluviale molto importante grazie alla sua posizione alla confluenza dei fiumi Sar e Ulla. Era importante anche durante il Medioevo, quando era anche sede episcopale suffraganea dell’arcidiocesi di Braga.

Sebbene la sede episcopale sia stata successivamente trasferita a Santiago de Compostela, questa città non ha perso la sua importanza, poiché è qui che ha avuto inizio la tradizione giacobina. Secondo la leggenda, la spiaggia fluviale di Iria Flavia fu il punto di approdo della nave che trasportava il corpo dell’apostolo San Giacomo dalla Palestina.

Da quando le spoglie dell’Apostolo furono trasferite a Santiago de Compostela, Padrón divenne l’inizio del percorso per i pellegrini che arrivavano via mare.

Luoghi e monumenti da non perdere lungo l’itinerario portoghese

Cattedrale di Santa María de Tui

Cattedrale di Santa Maria di Tui

La Cattedrale di Santa María è il massimo esponente artistico della città di Tui. Questa cattedrale, l’unica delle Rías Baixas, iniziò a essere costruita nel 1120, anche se fu completata solo nel 1225.

La sua struttura è romanica, anche se alcuni elementi gotici furono aggiunti in seguito, come la facciata principale, considerata la prima opera gotica della Penisola Iberica. D’altra parte, il suo aspetto fortificato è dato dalle torri merlate. È anche l’unica cattedrale galiziana a conservare un chiostro in stile gotico.

Gándaras de Budiño (Porriño)

Le Gándaras de Budiño si trovano a Porriño, una cittadina della provincia di Pontevedra. Questo ecosistema naturale si estende su una superficie di circa 700 ettari e la sua vicinanza all’Oceano Atlantico e la sua umidità lo rendono un’area paludosa di grande valore naturale per l’ambiente.

Nelle sue zone umide si trovano specie vegetali come salici e drosere. D’altra parte, la sua fauna, e in particolare il gran numero di uccelli migratori che hanno la loro area di riproduzione in questa parte delle Rías Baixas, rendono queste zone umide un luogo di grande interesse scientifico.

Ponte Sampaio

Questo ponte di origine romana attraversa il fiume Verdugo alla foce e collega le località di Soutomaior (Arcade) e Ponte Sampaio. È caratterizzato da una costruzione allungata di 10 arcate tra le quali sono presenti delle feritoie.
Su Ponte Sampaio si combatté la famosa Battaglia di Ponte Sampaio. Fu decisiva nella guerra d’indipendenza spagnola contro i francesi il 7 e 8 giugno 1809, ponendo fine a 5 mesi di occupazione francese.

Chiesa della Vergine della Peregrina

Chiesa della Peregrina, Pontevedra

La Chiesa della Peregrina è un magistrale esempio di architettura barocca del XVIII secolo. Il suo progetto è attribuito all’architetto portoghese Antonio Souto, che ha creato una struttura ellittica a forma di smerlo, unica in Galizia. La facciata principale si distingue per l’insieme scultoreo della Vergine Pellegrina, patrona della città, affiancata da due eleganti campanili.

La Chiesa della Peregrina è stata un luogo di pellegrinaggio e devozione fin dalla sua costruzione, attirando fedeli e visitatori. La sua posizione vicino al Cammino portoghese di Santiago l’ha resa una meta importante per gli escursionisti del Cammino di Santiago.

Ponte di Pontecesures

La storia del Ponte di Pontecesures risale all’epoca romana. Costruito nel I secolo d.C., era in origine un ponte romano in pietra sul fiume Ulla, una parte importante della Via Romana XIX, una delle grandi arterie di comunicazione romane dell’antica Gallaecia.

Nel corso dei secoli, il ponte è stato testimone di numerosi eventi storici, tra cui gli scontri nel Medioevo tra i regni di Galizia e León.

Luoghi alternativi da scoprire sul Cammino Portoghese

Se siete tra coloro che amano esplorare nuovi luoghi e avete abbastanza tempo per farlo mentre camminate sul Cammino, ecco alcuni luoghi interessanti che potreste visitare sul Cammino portoghese:

Vila do Conde

Vila do Conde è una città costiera del Portogallo settentrionale, nota per le sue belle spiagge e per il suo affascinante centro storico. Ha una ricca tradizione marittima e un porto turistico, oltre a un festival internazionale di cortometraggi che attira registi da tutto il mondo. La città è anche un importante centro per la moda e il design, con un’importante fiera tessile portoghese.

Si consiglia di visitare Vila do Conde sulla strada per Fajozes, che dista solo 12 minuti di auto.

Braga

Braga è una città situata nell’estremo nord del Portogallo. È la terza città più grande, subito dopo Lisbona e Porto. È famosa per il suo patrimonio e per gli eventi religiosi. È anche uno dei grandi centri culturali del Paese e la sua atmosfera universitaria la rende una città giovane e attiva.

Se volete visitare Braga, il modo migliore per farlo è partendo da Barcelos, che si raggiunge in soli 24 minuti di auto.

Parco Nazionale delle Isole Atlantiche della Galizia

Uno spettacolare parco costituito dalle isole di Ons, Cíes, Sálvora e Cortegada. Si tratta di un’area naturale protetta, caratterizzata da acque cristalline e sabbia bianca che attraggono ogni anno circa 300.000 viaggiatori. Sono la seconda destinazione più visitata della Galizia, subito dopo la Cattedrale di Santiago.

La spiaggia di Rodas, nelle Isole Cíes, è, secondo il quotidiano The Guardian, la migliore spiaggia del mondo. Inoltre, questo complesso di terre marittime si distingue per la sua fauna, i suoi sistemi di dune e le sue grotte marine.

Se decidete di avventurarvi a visitare una di queste isole, potete prolungare il vostro soggiorno per un giorno in più sulla strada per Redondela, andare a Vigo (17 minuti in auto) e prendere un traghetto da li.

Combarro

Questa località costiera si trova a soli 7 chilometri dalla città di Pontevedra. È considerato uno dei villaggi più belli della Galizia, che si distingue per il suo centro storico, dove gli hórreos (granai rialzati) e i cruceiros (croci di pietra) sono i protagonisti.

È uno dei migliori villaggi per scoprire l’architettura rurale galiziana, dove predominano le case in pietra a pianterreno.

La città più vicina a Combarro sul Cammino Portoghese è Pontevedra, a 21 minuti di auto.

Valga

Appartenente alla provincia di Pontevedra, Valga è una città nota a livello internazionale per la tradizionale festa della Rapa das Bestas. La città vanta interessanti monumenti ed edifici storici, come la Chiesa di Santa María de Valga e la Torre Catoira, che faceva parte del sistema difensivo della regione. Inoltre, i suoi paesaggi verdi e i suoi sentieri escursionistici vi permetteranno di esplorare la natura galiziana.

Vi consigliamo di visitare Valga una volta arrivati a Padrón, poiché dista solo 7 minuti in auto.

Storia Cammino Portoghese

L’impulso della corona e della Chiesa ha favorito lo sviluppo del Cammino Portoghese. La storia di questo percorso risale al XII secolo, quando i primi pellegrini portoghesi intrapresero questo cammino mistico per raggiungere Santiago de Compostela, in Galizia, e visitare la tomba dell’apostolo San Giacomo.

Una volta che il Portogallo divenne indipendente dal regno di Castiglia e León e dopo la scoperta della tomba dell’apostolo, la corona portoghese si interessò a promuovere gli scambi culturali ed economici tra i due territori.

Da quel momento, i pellegrini portoghesi e quelli provenienti da altre regioni d’Europa iniziarono a recarsi a Santiago de Compostela da varie località del Portogallo, seguendo percorsi e sentieri che si consolidarono nel tempo.

L’itinerario originale segue il tracciato delle antiche strade romane e di altri sentieri già percorsi in precedenza. In effetti, alcuni resti delle strade costruite dall’Impero romano sono visibili ancora oggi.

La devozione all’apostolo San Giacomo, nel XII secolo, favorì la nascita di pellegrinaggi di massa in tutta Europa e portò alla costruzione di templi e chiese a lui dedicati. Il santo divenne il patrono del Portogallo fino al XIV secolo, quando fu sostituito da San Giorgio.

L’importanza di questa via di pellegrinaggio era tale da attirare diverse personalità importanti dell’epoca. Tra gli interessati a visitare la cripta dell’Apostolo San Giacomo vi erano: Enrico di Borgogna e Teresa di León, fondatori della Contea Portucalense; monarchi come Alfonso II, Sancho II, Isabella d’Aragona; nobili come Leone di Rosmithal e Cosimo II de Médicis e come Jerónimo Münzer, Claude Bronseval o Nicola Albani.

La popolarità e il periodo di massimo splendore del Cammino portoghese (e del Cammino di Santiago in generale) declinarono a partire dal XVII secolo, con l’arrivo di eventi importanti come la Rivoluzione francese, la Riforma protestante di Lutero e i disinganni liberali del XIX secolo. Questi eventi portarono con sé carestie, pestilenze, guerre, siccità e cattivi raccolti, che fecero passare in secondo piano i pellegrinaggi.

Nel XX secolo, le apparizioni di Fatima del 1917 contribuirono al declino del fervore dei pellegrinaggi. L’interesse religioso si concentrò su questa piccola regione, che divenne un luogo di culto nazionale in Portogallo.

La fine del XX secolo ha visto la rinascita del Cammino di Santiago. E quindi del Cammino portoghese. Nel 1993, in coincidenza con l’Anno Santo Xacobeo, le Amministrazioni pubbliche e le Associazioni del Cammino di Santiago del Nord del Portogallo e della Galizia si impegnarono a promuovere il Cammino di Santiago: distribuirono materiale promozionale, migliorarono la segnaletica, crearono uffici turistici, ecc.

Questo lavoro ha dato i suoi frutti, dato che il numero di pellegrini sul Cammino è aumentato gradualmente da allora in poi. Il miglioramento delle condizioni dei percorsi, con l’aumento degli alloggi, della segnaletica e degli itinerari, ha provocato un effetto di richiamo che colloca oggi il Cammino portoghese come il secondo percorso più frequentato.

Suggerimenti se avete intenzione di fare Cammino Portoghese

Qual è il periodo migliore dell’anno per fare questo percorso?

Il periodo migliore per fare il Cammino Portoghese dipende, ovviamente, dalle preferenze personali di ogni pellegrino e dalle sue condizioni di viaggio.

Ogni stagione ha i suoi vantaggi e le sue sfide. Tuttavia, consigliamo di percorrere il Cammino in primavera e in autunno, poiché il Cammino Portoghese è solitamente meno affollato e le condizioni meteorologiche sono più favorevoli per camminare.

Tenete presente che il Cammino Portoghese è particolarmente frequentato in estate, poiché tende a coincidere con i mesi di vacanza europei. In inverno, invece, le temperature possono essere rigide, la maggior parte delle strutture ricettive è spesso chiusa e si possono incontrare condizioni meteorologiche difficili..

Consigli per il Cammino Portoghese

Il Cammino Portoghese di Santiago è un antico pellegrinaggio che offre un’esperienza unica e arricchente. Sebbene il Cammino di Santiago sia un’esperienza in linea di principio alla portata di tutti, è bene tenere a mente alcuni accorgimenti che vi aiuteranno a prepararvi prima di avventurarvi sul Cammino:

  1. Allenatevi fisicamente se non siete abituati a camminare per lunghe distanze. Camminare quotidianamente (2 o 3 mesi prima di iniziare il pellegrinaggio).
  2. Portate nello zaino solo l’essenziale. Evitate di portare cose inutili per non affaticarvi.
  3. Scegliete buone scarpe che avete già usato in precedenza. L’opzione migliore è una scarpa da trekking leggera e comoda, bassa o a metà polpaccio.
  4. Bevete tra i 250 e i 500 ml di acqua mezz’ora prima di iniziare a camminare. Cercate inoltre di mangiare cibi ricchi di carboidrati e minerali, che vi aiuteranno a reintegrare le energie dopo la camminata.

Ricordate che ogni pellegrinaggio è unico, quindi prendetevi del tempo per riflettere e trovare che significato ha per voi questa esperienza. Se avete bisogno di informazioni più dettagliate, potete accedervi qui.

¡Buen Camino!

Perché prenotare con Galiwonders?

A modo vostro. Su misura.

Progetteremo un itinerario su misura per le vostre esigenze, preferenze e budget e prenoteremo tutti i servizi per voi. Voi vi godete il viaggio.

Siamo su El Camino

La Galizia è la nostra casa. Abbiamo percorso tutti gli itinerari del Camino e abbiamo contatti diretti con i fornitori di servizi del Camino.

Siamo anche viaggiatori

Parliamo diverse lingue, abbiamo vissuto all'estero e abbiamo anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi per persone provenienti da tutto il mondo.

Un'esperienza indimenticabile

Centinaia di pellegrini ripetono anno dopo anno l'esperienza di viaggiare con noi. Vogliamo che anche voi siate uno di loro. Per questo ci impegneremo a rendere il vostro viaggio unico e indimenticabile.

Se avete domande o volete pianificare la vostra esperienza,
Il nostro team si occuperà personalmente di voi!
Richiedi ir tuo itinerario su misura
Compilate il modulo e riceverete il preventivo nella vostra e-mail entro 24-48 ore.
Solicita tu itinerario
Rellena el formulario y recibirás el presupuesto en tu email en 24-48h.
×

Atención comercial | Commercial Attention

×