Cammino d´Inverno

Un percorso impegnativo e autentico, meno battuto e pieno di scoperte ad ogni passo.

Il Camino de Santiago invernale ti invita ad avventurarti in un viaggio impegnativo e autentico. Un percorso meno affollato per scoprire la Galizia e connettersi con la natura allo stato più puro. Ogni passo è un’avventura in sé. Preparati per un’esperienza unica e indimenticabile!

Camino de Invierno
255 Km
Ponferrada
11 Tappe
12 Notti
da 990 €
Vedere
Camino de Invierno Fácil
250 Km
Ponferrada
13 Tappe
14 Notti
da 990 €
Vedere
Camino de Invierno
138 Km
Monforte
6 Tappe
7 Notti
da 495 €
Vedere

Distanza e punti di partenza in Cammino d´Inverno

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
255 Km 11 Etapas 12 Noches 4/5/5 Ponferrada

Ponferrada en el Camino de Invierno
Il fascino senza tempo di Ponferrada si riflette nelle sue strade di pietra e nel suo fascino medievale.

È comune e una città della provincia di León, capoluogo della regione di El Bierzo. Circondata da montagne e situata nel cuore del Cammino di Santiago, è nota anche come “La città dei Templari” per il suo castello, una delle fortezze più spettacolari della Spagna, dichiarato Monumento Nazionale. Si dice che uno dei motivi per cui il castello fu modificato in numerose occasioni fu quello di garantire una maggiore sicurezza al percorso e ai pellegrini che transitavano per la città.

 

DISTANCIA: ETAPAS: DURACIÓN: DIFICULTAD: INICIO:
138 Km 6 Etapas 6 Noches 4/5/5 Monforte de Lemos

Monforte de Lemos en el Camino de Invierno
Tra montagne e pietra, Monforte de Lemos si distingue come città dall’atmosfera storica.

Situata nella Ribeira Sacra, una terra in cui l’uva mencía regna sovrana, questa città conserva ancora gli echi della grande città che fu nel Medioevo. Monforte de Lemos conserva anche le mura medievali dell’antico castello di San Vicente e possiede un imponente Parador de Turismo, che fu il palazzo dei potenti conti di Lemos.

Mappa Cammino d´Inverno

Mappa del Cammino d'Inverno

Tappe Cammino d´Inverno

Tappa 1
28 km
3/5
7h15m
Tappa 2
27 km
3/5
6h45m
Tappa 4
27 km
3/5
7h
Tappa 5
33 km
4/5
7h20m
Tappa 6
30 km
5/5
7h30m
Tappa 7
25 km
3/5
6h45m
Tappa 8
22 km
2/5
5h30m
Tappa 9
16 km
1/5
4h
Tappa 10
20 km
2/5
5h
Tappa 11
25 km
2/5
6h

Livello di difficoltà Cammino d´Inverno

Profilo di difficoltà del Cammino d'Inverno

Il Camino de Invierno è un itinerario di difficoltà intermedia e più impegnativo dal punto di vista fisico rispetto ad altri percorsi giacobini. Tuttavia, tenete presente che il livello di difficoltà può variare a seconda delle vostre condizioni fisiche, di come decidete di pianificare le tappe e delle condizioni meteorologiche.

Difficoltà del Cammino d'Inverno

Distanza

Il Cammino d’Inverno ha una distanza di 263 km da Ponferrada a Santiago de Compostela. Come per altri itinerari del Cammino di Santiago, il punto di partenza può variare: un’alternativa è Monforte de Lemos, che dista 120 km dalla città santa.

La maggior parte dei pellegrini che percorrono questo itinerario cammina in media 20 km al giorno, ma sarà importante pianificare le tappe in base al proprio livello di forma fisica, per non affaticarsi troppo.

Pendenza

Il Cammino d’Inverno presenta forti pendenze, con continue discese verso il fiume Sil e salite verso le montagne, dato che la Ribeira Sacra è una delle principali zone attraversate dal Cammino. Una delle tappe più impegnative, a causa delle salite più ripide, è la settima tappa, che vi porterà da Chantada a Rodeiro.

Terreno

Lungo il percorso si trovano diversi tipi di terreno, come asfalto e strade sterrate. In alcuni tratti è possibile trovare strade romane.

Il tempo

Il Cammino d’Inverno attraversa zone in cui il clima predominante è quello continentale. Con scarse precipitazioni durante l’inverno e temperature che possono scendere sotto gli 0ºC in alcune giornate invernali.
È anche possibile trovare, sul percorso da Ponferrada alla Ribeira Sacra, zone influenzate dal clima mediterraneo, con inverni umidi e temperature miti tra i 10ºC e i 15ºC.
Invece, avvicinandosi alla costa, nella zona di Deza, predomina un clima oceanico atlantico costiero, caratterizzato da inverni con maggiore probabilità di pioggia e temperature più miti.

La segnaletica

La segnaletica più comune del Cammino francese di Sarria è costituita dalle pietre miliari e frecce dipinte agli incroci. Anche se nei tratti urbani e rurali si possono trovare cartelli tra gli edifici. Grazie al lavoro dell’ Asociación de Amigos do Camiño de Santiago por Valdeorras, questo percorso è correttamente segnalato, facilitando il cammino dei pellegrini.

Guardate con attenzione. A volte i segnali possono essere nascosti o coperti da qualcosa come auto o persone, facendovi seguire il percorso sbagliato. Se arrivate a un incrocio senza indicazioni e non sapete come proseguire, vi consigliamo di tornare all’ultimo cartello che avete visto per cercare di riorientarvi.

Cosa fare e vedere al Cammino d´Inverno?

Dove passa il Cammino d’Inverno?

Il Cammino d’Inverno è l’unico percorso del Cammino di Santiago che attraversa le quattro province galiziane: A Coruña, Lugo, Ourense e Pontevedra. Inizia nella regione di Valdeorras (Ourense) e nella Ribeira Sacra, entrambe conosciute per i loro spettacolari paesaggi ricchi di vigneti e per i sorprendenti canyon del Sil. Il tratto finale del Cammino d’Inverno attraversa la regione di Deza, a Pontevedra, e termina nella provincia di A Coruña con le ultime due tappe della Vía de la Plata.
Seguendo questo percorso, si possono attraversare città come Ponferrada, O Barco de Valdeorras, Monforte de Lemos, Ponte Ulla e Santiago de Compostela.

Ponferrada

Circondata da montagne e da un passato templare, Ponferrada è il capoluogo della regione del Bierzo e il punto di partenza del Cammino d’Inverno. Possiede una delle fortezze più importanti della Spagna, dichiarata monumento nazionale. In passato, serviva da protezione e rifugio per i pellegrini che percorrevano il Cammino.

O Barco de Valdeorras

O Barco de Valdeorras si trova nella valle del Sil e ai piedi della catena montuosa dell’Eje. Noto per la sua tradizione mineraria e per la produzione di vino con denominazione d’origine Valdeorras, possiede anche un ricco patrimonio storico con vestigia della cultura romana e preromana e diversi palazzi signorili.

Monforte de Lemos

Situata nella Ribeira Sacra, una terra dove l’uva mencía regna sovrana, questa cittadina conserva ancora gli echi della grande città che fu nel Medioevo. Monforte de Lemos conserva anche le mura medievali dell’antico castello di San Vicente e vanta un imponente Parador de Turismo, che fu il palazzo dei potenti conti di Lemos.

Ponte di Ulla

Nella parrocchia di Vedra si trova il borgo medievale di Ponte Ulla. È protetto dal magnifico ponte di Gundián, parte dell’antica linea ferroviaria che collegava Santiago de Compostela a Ourense e considerato una delle opere civili più importanti del XX secolo. Tra il suo patrimonio culturale spiccano l’eremo di Gundián, una cappella dedicata alla Vergine, e il maniero di Rivadulla, nelle vicinanze della città.

Santiago de Compostela

Santiago de Compostela, un luogo in cui convergono spiritualità, storia e cultura, è uno dei centri più importanti del pellegrinaggio cristiano insieme alle città di Gerusalemme e Roma.

Il suo centro storico di strade acciottolate è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1985 e ospita numerosi monasteri, templi e palazzi signorili che riflettono l’essenza stessa della città. Nel cuore della Città Vecchia si trova l’emblematica piazza Obradoiro. Punto di arrivo del Cammino di Santiago, è il punto di convergenza di tutti i percorsi di pellegrinaggio ed è un luogo di incontro sia per i pellegrini che per gli abitanti del luogo. Qui si trova la Cattedrale di Santiago, dove riposano le spoglie dell’Apostolo.

Luoghi e monumenti da non perdere durante il Cammino d’Inverno

Ribeira Sacra

Ribeira Sacra

Bagnata dai fiumi Miño, Sil e Cabe, la Ribeira Sacra è uno dei più grandi tesori della Penisola Iberica.
Le sue colline e i suoi boschi lussureggianti nascondono la più alta concentrazione di chiese e monasteri romanici della Galizia e i suoi antichi vigneti danno origine alla famosa DO Ribeira Sacra.

Tunnel romano di Montefurado

Conosciuto anche come Boca do Monte, è uno dei grandi monumenti dell’Impero Romano in Galizia. Questo tunnel fu fatto costruire dall’imperatore Traiano nel II secolo per estrarre l’oro portato dal fiume Sil, ma un’alluvione ne causò il crollo secoli dopo.
La leggenda narra che in cima al tunnel regnasse una fortezza, nota come il castello di Pena do Corvo. Tuttavia, il crollo portò alla scomparsa dei resti archeologici del castello.

Le Médulas

Considerata la più grande miniera a cielo aperto e dichiarata Patrimonio dell’Umanità, Las Médulas è una delle più grandi opere di ingegneria dell’antichità.
Quest’area è stata dichiarata Bene di Interesse Culturale nel 1996 per il suo interesse archeologico; è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità e Monumento Naturale dell’UNESCO nel 2002.

Pico Sacro

Questa montagna si trova a 12 km da Santiago de Compostela, da dove si può vedere la città santa. È strettamente legato alla tradizione giacobina, in quanto è stato il luogo di uno degli episodi della Traslatio delle spoglie dell’apostolo San Giacomo dalla Palestina a Finisterre.
Questa montagna è anche legata alla regina Lupa, enigmatica protagonista della storia e della leggenda giacobina, poiché si dice che una delle sue residenze fosse situata sulla cima.

Monastero di San Vicente do Pino

Monastero di San Vicente do Pino

Nella parte più alta della città di Monforte de Lemos si trova questo complesso monumentale, che ospita anche la Torre degli Omaggi e il Palazzo dei Conti di Lemos.
Fu costruito inizialmente dai Benedettini nel X secolo ed è considerato uno dei primi monasteri costruiti in Galizia dopo l’invasione araba.

Altri luoghi di interesse da visitare durante il Cammino d’Inverno sono la Sierra del Caurel, a Lugo, o il Castello di Cornatel, a El Bierzo.

Luoghi alternativi da scoprire sul Cammino d’Inverno

Covas de Valdeorras

Lungo il percorso di Valdeorras, nel cuore della regione, si trovano queste grotte che venivano utilizzate come cantine. Da esse si ricavava e si produceva il vino D.O. Valdeorras, una delle più antiche denominazioni di origine della Galizia, riconosciuta con decreto ministeriale nel 1945.

Chiesa di Santo Estevo de Ribas de Miño

Nella sesta tappa, attraversando la Ribeira Sacra, se invece di passare sul fiume si segue il suo corso verso nord, si può ammirare la chiesa di Santo Estevo de Ribas de Miño, uno dei tesori romanici nascosti in questa affascinante regione.
Si trova su una collina con una vista privilegiata sul fiume Miño e ha una cripta sotto la facciata che ricorda il Pórtico de la Gloria della Cattedrale di Santiago de Compostela, realizzato dal Maestro Mateo.

Cascata di Toxa

Cascata di Toxa

Passando per Silleda si può visitare la Fervenza da Toxa, una delle cascate più alte della Galizia. È circondata da un bosco di querce, castagni e altre specie, che evoca l’autentica foresta autoctona della Galizia.
Nella parte alta della valle, è stato costruito un belvedere su alcune enormi rocce da cui si può osservare l’ambiente che circonda questo fenomeno naturale.

Se desiderate visitare la Fervenza da Toxa, dovete tenere presente che si trova a 15 chilometri da Silleda, quindi richiede un tempo supplementare. Per raggiungerla, si può pensare di prendere un mezzo di trasporto da Silleda, come un taxi o noleggiare un’auto.

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Molto vicino a Silleda, ad A Estrada, si può visitare il Pazo de Oca, conosciuto anche come la “Versailles galiziana”. È il maniero meglio conservato e più visitato della Galizia. Risale alla seconda metà del XV secolo, quando il nobile galiziano Don Álvaro de Oca ordinò la costruzione del pazo sui resti di un’antica fortezza del XII secolo.
I suoi giardini, considerati tra i 10 giardini più belli del mondo, sono un prodotto della tradizione paesaggistica francese e presentano varie specie di aceri, magnolie, camelie, tra le altre specie.
Il Pazo de Oca si può visitare passando per Silleda. A Estrada si trova a 20 km da questa città, quindi vi consigliamo di andare con un mezzo di trasporto, come un’auto o un taxi.

Storia Cammino d´Inverno

Il Cammino d’Inverno è un percorso millenario che, nel corso dei secoli, è stato l’ingresso naturale alla Galizia. Questo percorso è il risultato della biforcazione del tracciato originale del Cammino Francese a Ponferrada, quando si iniziò a seguire un’antica strada romana per accedere in modo più semplice alla Galizia. Questo nuovo percorso fu molto frequentato dalle legioni romane, dai mulattieri medievali e dalle truppe napoleoniche e portò, nel 1883, alla costruzione della prima linea ferroviaria che avrebbe collegato la Galizia al resto della Penisola.

Durante l’inverno, soprattutto nelle zone montuose, le condizioni meteorologiche possono essere estreme in alcuni tratti del Cammino Francese, rendendo il pellegrinaggio più difficile e pericoloso. Invece di proseguire fino a Villafranca del Bierzo, i pellegrini deviavano per Las Médulas fino a Ponferrada, per evitare le forti nevicate di O Cebreiro e i fiumi straripanti della valle di Valcarce. Da lì, il Cammino d’Inverno segue il corso naturale del fiume Sil attraverso la regione di Valdeorras di Ourense, attraverso il sud della provincia di Lugo e attraverso la regione di Deza (Pontevedra). A Lalín, il percorso si unisce alla Vía de la Plata e al Cammino di Sanabrese, condividendo il percorso verso Santiago de Compostela.

Suggerimenti se avete intenzione di fare Cammino d´Inverno

Qual è il periodo migliore per fare questo percorso?

Consigliamo di percorrere il Camino de Invierno in primavera o in estate, perché le temperature sono più gradevoli.
In primavera le temperature sono miti, ma c’è una maggiore possibilità di pioggia. Tuttavia, insieme all’autunno, è il periodo migliore per percorrere l’itinerario.
I mesi estivi sono i più popolari per i pellegrinaggi, poiché di solito le temperature sono più miti e rendono più sopportabili le lunghe camminate. Il nord della Spagna, grazie alla sua vicinanza all’Oceano Atlantico e alla latitudine della Galizia, ha temperature più miti che impediscono il caldo eccessivo.

Consigli per questo percorso del Cammino

Una buona idratazione e alimentazione è essenziale. Assicuratevi di rimanere idratati durante il Cammino e di mangiare cibi energetici per mantenere alto il livello di energia.

Portate con voi una giacca antipioggia. Le condizioni meteorologiche nel nord della Spagna sono varie, quindi vi consigliamo di portare sempre una giacca antipioggia nello zaino.

L’abbigliamento deve essere leggero, traspirante e isolante. Per quanto riguarda le calzature, si consigliano scarponi da trekking impermeabili, con una buona ammortizzazione e che abbiate già indossato prima per evitare sfregamenti.

Se avete bisogno di informazioni dettagliate per iniziare a preparare il vostro viaggio, potete accedere qui.

Buon cammino!

Perché prenotare con Galiwonders?

A modo vostro. Su misura.

Progetteremo un itinerario su misura per le vostre esigenze, preferenze e budget e prenoteremo tutti i servizi per voi. Voi vi godete il viaggio.

Siamo su El Camino

La Galizia è la nostra casa. Abbiamo percorso tutti gli itinerari del Camino e abbiamo contatti diretti con i fornitori di servizi del Camino.

Siamo anche viaggiatori

Parliamo diverse lingue, abbiamo vissuto all'estero e abbiamo anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi per persone provenienti da tutto il mondo.

Un'esperienza indimenticabile

Centinaia di pellegrini ripetono anno dopo anno l'esperienza di viaggiare con noi. Vogliamo che anche voi siate uno di loro. Per questo ci impegneremo a rendere il vostro viaggio unico e indimenticabile.

Se avete domande o volete pianificare la vostra esperienza,
Il nostro team si occuperà personalmente di voi!
Richiedi ir tuo itinerario su misura
Compilate il modulo e riceverete il preventivo nella vostra e-mail entro 24-48 ore.
Solicita tu itinerario
Rellena el formulario y recibirás el presupuesto en tu email en 24-48h.
×

Atención comercial | Commercial Attention

×