Miti e leggende del Cammino di Santiago

Ci sono molti miti e leggende legati al Camino de Santiago e alcuni di essi risalgono a secoli fa. Migliaia di pellegrini hanno percorso questo pellegrinaggio fin dal Medioevo e molte leggende sono nate con loro grazie ai loro viaggi. Sei interessato a saperne di più su questi miti? Noi di Galiwonders siamo appassionati del Cammino di Santiago e abbiamo trovato qualche curiosità che vogliamo condividere con te. Scopriamo alcuni di questi miti e leggende in questo post!

Miti e leggende del Cammino di Santiago

Dal Medioevo ai nostri giorni, ci sono sempre stati miti e leggende legate al Cammino di Santiago. Di solito, queste storie si riferiscono ai miracoli fatti da San Giacomo Apostolo, dalla Vergine Maria e da altri santi. Queste leggende sono state trasmesse da pellegrino a pellegrino fin dall’antichità; una tradizione orale che si svolgeva lungo il Cammino, o quando i pellegrini avevano del tempo per riposare. Al giorno d’oggi, possiamo ancora conoscere alcuni di questi racconti, dato che possiamo trovarli in raccolte scritte nei monasteri.

Il Cammino di Santiago è un viaggio spirituale, con l’obiettivo di esplorare non solo il cammino con lo sforzo fisico, ma anche per conoscere meglio noi stessi. È abbastanza comprensibile che il cammino sia pieno di simboli e messaggi segreti che nascondono ogni tipo di mistero. I pellegrini che percorrono il Cammino di Santiago oggi, abbracciano l’avventura con lo stesso entusiasmo dei camminatori medievali. Ogni pietra lungo il Cammino nasconde una storia che vale la pena di essere raccontata, e oggi ne raccogliamo alcune.

 

Miti e leggende del Cammino di Santiago

La Vergine e l’uccellino

Puente de la Reina è una delle tappe più emblematiche del Cammino Francese che passa per la regione della Navarra. Lì possiamo visitare il ponte dei pellegrini eretto per ordine della regina Doña Mayor (da cui il nome della città). In questa costruzione c’era un’immagine della vergine che, secondo la leggenda, veniva pulita da un uccellino dopo aver immerso le ali nel fiume. Si racconta che questo accadeva ogni volta che un evento importante aveva luogo nella città.

Se fai il Cammino Francese Completo, puoi attraversare questo ponte e sentire ancora oggi, dopo secoli, la forza di questa leggenda. Questo è uno dei principali tesori del Cammino di Santiago. Sentirsi connessi con un passato che sembra molto lontano ma allo stesso tempo molto vicino. Preparati a vivere momenti incredibili sul tuo Camino. Ti sentirai legato a quei pellegrini che hanno percorso il tuo stesso itinerario nel passato e sarà una sensazione molto speciale!

 

Puente Románico (Puente de la Reina)

Il gallo a Santo Domingo de la Calzada

La famosa frase “a Santo Domingo de la Calzada, dove il gallo canta dopo essere stato arrostito” trova la sua origine in un pellegrinaggio a Santiago de Compostela. Nel Medioevo, un giovane tedesco stava facendo il Cammino di Santiago con i suoi genitori, quando decise di fermarsi in una locanda di questa città per recuperare le forze. In questo stabilimento lavorava una giovane donna che si innamorò di lui appena lo vide e, non essendo ricambiata, decise di vendicarsi nascondendo un bicchiere d’argento tra le cose del pellegrino, in modo che fosse accusato di furto.

Il giovane fu condannato all’impiccagione e i suoi genitori, disperati, pregarono il Santo. Quando si avvicinarono al corpo del loro figlio morto, egli resuscitò, dichiarando che era l’opera e la grazia dell’apostolo Santiago. I genitori si avvicinarono al Magistrato Capo di Santo Domingo per dargli la buona notizia, che in quel momento stava per cenare un piatto a base di gallo. Ridendo, disse loro che il loro figlio era vivo come il gallo appena cotto che stava per assaggiare. In quel momento, l’animale saltò fuori dal piatto, cominciando a cantare pieno di vita. La leggenda di Santo Domingo de la Calzada non è l’unica in cui si parla di “un gallo”. Abbiamo già parlato del miracolo di Barcelos nel nostro post sul Cammino Portoghese da Porto.

 

santo domingo de la calzada

 

Il mistero di Obanos

Si narra che in Navarra la signora Felicia d’Aquitania, pellegrina di ritorno a Compostela, decise di rinunciare alla sua vita nobile e preferì rimanere ad Amocaín per dedicarsi ai poveri. Suo fratello, il duca Guillermo, venuto a conoscenza di questa decisione, comincia a cercarla furiosamente e la pugnala a morte.

Più tardi, pieno di colpa, il duca va a Roma per confessare il suo peccato, e gli viene imposta la penitenza di un pellegrinaggio a Santiago de Compostela. Al suo ritorno, rinuncia alla sua vita di privilegi come fece sua sorella all’epoca. Più tardi decide di rimanere a Obanos come penitente accanto all’eremo della Vergine sul monte Arnótegui. Diventerà allora San Guillermo e gli verrà dedicato l’eremo. Questa leggenda viene messa in scena nella piazza del paese nella seconda metà di agosto dal 1962 ed è stata dichiarata Festa di interesse turistico nazionale.

La leggenda del Botafumeiro

 

botafumeiro santiago de compostela

 

Questo incensiere gigante è uno degli oggetti più affascinanti del Cammino di Santiago. Molti pellegrini percorrono il cammino desiderosi di vederlo oscillare nella cattedrale, una volta giunti a destinazione. Non tutti conoscono la leggenda che dice che il botafumeiro fu creato in realtà per mascherare il cattivo odore dei pellegrini una volta giunti all’interno della cattedrale, coprendolo con l’incenso contenuto in esso. Inoltre, si diceva che il suo fumo avesse proprietà magiche per curare i ciechi, gli orbi, le persone con problemi respiratori, ecc.

Ricorda che lo spirito del Cammino e le sue leggende sono più forti che mai quest’anno, dato che stiamo celebrando l’Anno Santo Giacobeo. Inoltre, potrai goderti questa atmosfera speciale per un altro anno, poiché l’Anno Santo è stato prolungato fino al 2022. Non perdetelo!

Per ulteriori informazioni sul Cammino di Santiago, non esitare a contattarci.

Leave a Reply

Chiedi il tuo preventivo