Fare il Cammino di Santiago a dicembre

Il Cammino di Santiago, con i suoi secoli di storia, è stato a lungo un faro di avventura e retrospettiva per i pellegrini di tutto il mondo. A dicembre, questo antico sentiero si anima in modo speciale. Mentre la maggior parte dei camminatori sceglie di percorrere i suoi chilometri alle calde temperature della primavera e dell’estate, l’inverno si presenta come una sfida, ma anche come un’opportunità unica per chi cerca un legame profondo con il Cammino e la natura.

In un altro post vi abbiamo raccontato quanto sia speciale fare il Cammino di Santiago a Natale. Ma se preferite altri programmi più casalinghi, il resto del mese di dicembre è ancora una buona opzione: volete sapere perché? Continuate a leggere!

LA GUIDA PRATICA AL CAMMINO
SCARICA GRATIS

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete GRATUITAMENTE la nostra Guida pratica al Cammino di Santiago. In questa guida troverete tutte le informazioni necessarie per iniziare a pianificare il vostro Cammino.

guida Practica il Cammino di Santiago

    Ho letto e accetto la Politica della Privacy

    Desidero ricevere notizie, contenuti esclusivi, comunicazioni commerciali.


    Registrandoti accetti di ricevere la guida del Camino in PDF e informazioni pratiche sui percorsi del Cammino di Santiago.

    - Titolare del trattamento dei dati: Galiwonders, S.L.U.

    - Finalità: Per gestire le iscrizioni, inviare comunicazioni e trattare i dati in conformità alle finalità indicate nella nostra informativa sulla privacy.

    - Legittimazione: consenso delle parti interessate

    - Destinatario: fornitori, partner e sviluppatori. Al di fuori di questi campi, i dati non saranno trasferiti a terzi, a meno che non siano obbligati per legge a farlo.

    - Diritti: accesso, rettifica e cancellazione dei dati, nonché altri diritti, come spiegato nella nostra politica sulla privacy.

    Perché fare il Cammino di Santiago a dicembre?

    Percorrere il Cammino di Santiago a dicembre è una scelta coraggiosa che premia senza dubbio chi cerca un’esperienza unica e arricchente. Anche se l’inverno può sembrare impegnativo, con le temperature rigide e le giornate più corte, questa stagione porta con sé paesaggi invernali e città storiche decorate con luci natalizie che creano un’atmosfera magica sul Cammino di Santiago.

    I campi e le montagne, insieme alle strade alberate, offrono una bellezza unica in questa stagione. Ogni tappa del Cammino diventa una cartolina invernale che rimarrà impressa nella memoria per sempre.

    Inoltre, l’atmosfera tranquilla e contemplativa dell’inverno favorisce la riflessione e l’introspezione. Questo vi dà l’opportunità di superare gli ostacoli fisici e mentali, rafforzando la vostra determinazione e la fiducia in voi stessi mentre vi avvicinate alla meta.

    Vantaggi del Cammino di Santiago a dicembre

    Meno pellegrini

    Uno dei maggiori vantaggi di percorrere il Cammino di Santiago a dicembre è il minore afflusso di pellegrini rispetto ai mesi estivi. I sentieri, le pensioni e gli alberghi sono meno affollati, il che significa che avrete tempo e spazio per voi stessi. Questa maggiore privacy vi permetterà di godervi il percorso in modo più intimo e rilassato.

    Calma e riflessione

    La stagione invernale porta con sé un’atmosfera di tranquillità e riflessione. Le giornate sono più corte, ma la calma che arriva con la notte è perfetta per chi cerca un’esperienza più introspettiva e spirituale.

    Bellezza invernale

    I paesaggi invernali che troverete sul Cammino di Santiago sono semplicemente mozzafiato. Le montagne innevate di Lugo e Ourense e gli alberi spogliati creano uno scenario che vi farà vivere un’esperienza magica e visivamente sorprendente.

    Inconvenienti del Cammino di Santiago in dicembre

    Condizioni climatiche variabili

    Dicembre può essere imprevedibile in termini di tempo. In Spagna, dicembre è già un mese molto freddo, soprattutto nell’interno della penisola, quindi itinerari come il Cammino Francese e in particolare zone come Logroño, Burgos, León e O Cebreiro possono essere piuttosto impegnativi.

    In questo mese entrano in gioco anche le piogge. L’acqua può rendere difficile il percorso, poiché si possono trovare strade fangose e persino zone interrotte da fiumi straripanti. A seconda del freddo di quell’anno, si può incontrare la neve già a dicembre nelle zone interne. Sulla costa le temperature sono generalmente più miti, ma in inverno possono scendere fino allo zero.

    Tenete presente che tutti questi fattori possono aumentare la probabilità di raffreddori e lesioni dovute a scivolate su superfici ghiacciate.

    Giorni più brevi

    Le giornate sono notevolmente più corte a dicembre, il che significa che avrete meno ore di luce per camminare. Questo può limitare la distanza percorribile in un giorno e richiede una pianificazione più attenta della giornata.

    Meno servizi disponibili

    A causa della bassa stagione, a dicembre potrebbero essere disponibili meno percorsi e servizi sul Cammino di Santiago. Alcuni hotel e ristoranti potrebbero essere chiusi, il che potrebbe influire sulle vostre opzioni di alloggio e ristorazione. Assicuratevi di fare ricerche in anticipo per evitare spiacevoli sorprese.

    Poiché molti servizi del Cammino sono stagionali e funzionano solo nei mesi di maggiore affluenza, esistono percorsi alternativi in cui non saranno aperti alberghi, pensioni o ristoranti. I due itinerari che mantengono un minimo di servizi aperti sono quello portoghese e quello francese, in quanto sono i due percorsi più popolari e registrano un afflusso di pellegrini durante tutto l’anno.

    Quale Cammino fare a dicembre?

    Date le condizioni climatiche difficili, è consigliabile prendere in considerazione itinerari più brevi. Si consigliano quelli che possono essere completati in circa una settimana. Inoltre, sarebbe opportuno scegliere tappe che attraversino zone popolate, dove potersi riparare in caso di pioggia o temporale.

    Inoltre, tenete presente che dicembre è bassa stagione, quindi è probabile che alcuni alloggi, ristoranti e altri servizi siano chiusi. Se vi avventurate a fare il vostro pellegrinaggio in questo periodo dell’anno, vi consigliamo il Cammino Portoghese e il Cammino Francese.

    Cammino Portoghese

    Il Cammino Portoghese è uno degli itinerari più consigliati da fare a dicembre. Entrambe le sue varianti (sia quella interna che quella costiera) sono di grande bellezza naturale e hanno un grande patrimonio culturale. Inoltre, si svolgono a bassa quota e non attraversano montagne, quindi il clima su questo percorso è mite.

    Cammino Francese

    D’altra parte, se state pensando a un pellegrinaggio un po’ più lungo, la scelta più ovvia è il Cammino Francese. È importante tenere presente che non è necessario completarlo tutto in una volta, ma è possibile dividere il percorso totale in parti e farle in momenti diversi, anche in anni diversi.

    Inoltre, essendo l’itinerario più popolare, la qualità dei servizi su questo percorso è solitamente più alta e più regolamentata, il che diventa un vero sollievo durante le fredde notti del Cammino.

    Cosa portare sul Cammino di Santiago a dicembre?

    Prepararsi adeguatamente al Cammino di Santiago in dicembre è essenziale per garantire un’esperienza confortevole e sicura. Le condizioni invernali possono essere impegnative, ma con l’abbigliamento e l’equipaggiamento giusto potrete godervi appieno questa avventura. Ecco un elenco di ciò che dovreste portare con voi:

    • Vestitevi bene: le temperature possono essere fredde a dicembre, quindi mettete in valigia pantaloni termici, camicie a maniche lunghe, pantaloni antivento e impermeabili e una giacca calda per la pioggia. La stratificazione è fondamentale, in quanto consente di adattarsi ai cambiamenti di temperatura nel corso della giornata.
    • Cappello, guanti e sciarpa: proteggono la testa, le mani e il collo dal freddo e dal vento. Questi accessori sono fondamentali per evitare la perdita di calore corporeo.
    • Calzature adeguate: un buon paio di scarpe da trekking impermeabili è essenziale. Sono necessarie anche calze di lana o termiche per mantenere i piedi caldi e asciutti. Considerate di portare con voi un secondo paio di calze da cambiare durante il giorno, se necessario. Ricordate di portare anche un paio di comode pantofole o infradito per riposare i piedi dopo l’escursione.
    • Zaino robusto: uno zaino comodo e robusto vi aiuterà a trasportare i vostri effetti personali in modo efficiente. Si consiglia uno zaino con una capacità di 30 o 40 litri. Per camminare senza dolori alla schiena, ricordate che il peso totale dello zaino non deve superare il 10% del vostro peso. E se non volete portare con voi tutto lo zaino, ma avete bisogno di portare con voi tutti gli utensili quotidiani, potete noleggiare un servizio di trasferimento bagagli tra le tappe.
    • Giacca antipioggia e copertura per lo zaino: il clima invernale può portare pioggia, quindi una giacca antipioggia e una copertura impermeabile per lo zaino sono essenziali per mantenere l’attrezzatura asciutta.
    • Borraccia: anche in inverno è importante mantenersi idratati. Portate con voi una borraccia robusta e riempitela ogni volta che potete.
    • Torcia elettrica: a dicembre le giornate sono più corte, quindi una torcia elettrica vi sarà utile se dovete camminare al buio o cercare tra le vostre cose.
    • Batteria esterna e adattatori: assicuratevi di avere una batteria esterna per caricare i vostri dispositivi e adattatori per le spine se viaggiate da fuori Europa.
    • Documenti e credenziali del pellegrino: non dimenticate la carta d’identità (o il passaporto se provenite dall’estero), le credenziali del pellegrino e tutti i documenti d’identità importanti.

    Celebrazioni e feste in dicembre in Galizia

    La Galizia è una terra ricca di tradizioni e cultura. Nonostante il clima invernale, questa regione della Spagna nord-occidentale offre una serie di celebrazioni e feste che vi faranno immergere nella ricchezza del suo patrimonio culturale.

    Giornata della Costituzione

    Il 6 dicembre è un giorno festivo in Spagna. Questo giorno commemora il 6 dicembre 1978, quando gli spagnoli votarono in un referendum a favore della Costituzione spagnola attualmente in vigore. In questa data, l’Amministrazione statale e le Forze armate organizzano diversi eventi commemorativi.

    Giornata dell’Immacolata Concezione

    Il giorno dell’Immacolata Concezione si celebra l’8 dicembre. Questa celebrazione religiosa ricorda il concepimento della Vergine Maria. Poiché la Spagna ha una tradizione cattolica, questo giorno è un giorno festivo in tutto il Paese.

    Natale

    Come in molte altre parti del mondo, il Natale in Galizia è un momento speciale. I mercatini di Natale riempiono le piazze delle città, offrendo prodotti artigianali, decorazioni e delizie culinarie tradizionali come il turrón (torrone) e i polvorones (biscotti dolci di mandorle e mandorle). Inoltre, non perdete l’occasione di provare il cava o il vino galiziano.

    Tradizioni natalizie del Cammino: i Re Magi

    La festa dell’Epifania è molto importante in Spagna, ed è anche conosciuta come “Il giorno dei Re Magi“. In questo giorno speciale, i Re Magi arrivano dal Medio Oriente sui loro cammelli per consegnare doni ai bambini. Nella tradizione cristiana, questo rappresentava il momento in cui, dopo aver seguito una nuova stella nel cielo, i re arrivavano a Betlemme, portando doni per il neonato Gesù. Per dimostrare la loro adorazione a Gesù Bambino, i tre saggi Melchiorre, Gaspare e Baldassarre offrirono tre doni simbolici: oro, incenso e mirra.

    Come si festeggia il Giorno dei Re Magi in Spagna

    Fin dal XIX secolo, in Spagna si festeggia il giorno dei Re Magi con una sfilata divertente e colorata, la “Cabalgata de los Reyes”. Le strade delle città spagnole si riempiono di carri allegorici con luci, musica e danze. È un grande spettacolo per i bambini! È tradizione che i Re Magi lancino regali e caramelle ai bambini lungo il loro percorso attraverso la città.

    Oggi i bambini scelgono il re che preferiscono e gli chiedono i regali che vorrebbero ricevere. Senza dubbio i bambini spagnoli sono molto fortunati perché spesso ricevono regali sia il giorno di Natale che il giorno dei Re Magi. La sera del 5 gennaio, i bambini devono andare a dormire presto per essere sicuri di ricevere i regali il giorno successivo. Tuttavia, se i bambini non si sono comportati bene, riceveranno solo “carbone” dolce!

    Si prega di notare che, a causa di queste festività, è probabile che molti ristoranti, alloggi e altri servizi siano chiusi il 24 e il 25 dicembre.

    Altre tradizioni natalizie del Cammino

    Secondo la tradizione, Capodanno è un periodo pieno di magia, in cui si praticano molti rituali per attirare la fortuna e si cerca di predire il futuro. Queste tradizioni continuano oggi sia in Spagna che in molti altri Paesi. Vediamo i più tipici della penisola iberica.

    Mangiare 12 chicchi d’uva

    Se avete intenzione di trascorrere le vostre vacanze in Spagna durante il Natale e il Capodanno, potreste assistere ad altre tradizioni curiose e divertenti. Ad esempio, per dare il benvenuto al nuovo anno, in Spagna c’è l’abitudine di mangiare 12 chicchi d’uva “fortunati”, una ogni rintocco prima di mezzanotte. Questo momento è condiviso con la famiglia e gli amici, e viene festeggiato per portare fortuna per il nuovo anno. Per seguire il conto alla rovescia, si guarda tutti insieme uno dei tanti programmi televisivi che mostrano in diretta il conteggio dei secondi.

     Festeggiare nelle piazze

    Anche se la maggior parte delle famiglie festeggia il Capodanno a casa, o in un altro luogo caldo, ci sono anche persone più avventurose che festeggiano fuori al freddo invernale. Infatti, migliaia di persone in tutto il paese si riuniscono ogni anno nella piazza centrale o in un altro luogo iconico della loro città, per festeggiare insieme. La piazza più famosa è la Puerta del Sol di Madrid. Migliaia di persone si riuniscono qui ogni anno, anche se quest’anno sarà diverso a causa delle restrizioni per il Covid.

    La festa continua dopo mezzanotte

    Dopo aver mangiato l’uva, è il momento di brindare al nuovo anno con un bicchiere di spumante spagnolo. Per attirare fortuna e prosperità, è comune far cadere nel bicchiere un oggetto d’oro, come una fede nuziale o una moneta d’oro.

    Churros al cioccolato

    Di solito, i festeggiamenti non finiscono presto, soprattutto in un paese come la Spagna, che ama fare festa e divertirsi. Tuttavia, quest’anno ci sarà il coprifuoco a causa della pandemia e la gente dovrà tornare a casa presto. Lì, i festeggiamenti continueranno fino alle prime ore del mattino, il momento perfetto per un’altra deliziosa tradizione. Per riprendersi dopo aver festeggiato tutta la notte, la mattina di Capodanno, cosa c’è di meglio di una cioccolata calda con i churros?

    Biancheria intima rossa

    Un’altra tradizione di Capodanno, un po’ più stravagante, è quella di indossare biancheria intima rossa per attirare la buona sorte e un nuovo amore nella propria vita. Questa dovrebbe essere stata regalata e deve essere gettato alla fine della notte affinché il “rituale” funzioni correttamente!

    Mangiare lenticchie

    In alcune parti della Spagna, si mangiano le lenticchie a Capodanno, perché si dice che portino prosperità (le lenticchie rappresentano piccole monete).

    E voi? Come celebrate queste feste? Se volete dirci qual è la vostra tradizione natalizia preferita, non esitate a di scrivere un commento qui sotto. Da Galiwonders, vi auguriamo un buon inizio d’anno

    Santo Stefano

    Il giorno di Santo Stefano si celebra il 26 dicembre. In Galizia è un’occasione per gustare i pasti in famiglia e continuare le festività natalizie.

    San Silvestre

    Il 31 dicembre, in molte città della Galizia, come A Coruña e Santiago de Compostela, vengono organizzate corse popolari note come “San Silvestres”. Queste corse, spesso in costume e festose, sono un modo divertente per salutare l’anno e bruciare calorie prima delle feste di Capodanno.

    Capodanno

    Il Capodanno in Galizia (e nel resto della Spagna) si festeggia in modo unico. In molte piazze, la gente si riunisce per mangiare i dodici acini d’uva fortunati al ritmo dei rintocchi dell’orologio della torre. Questo rituale è seguito da musica dal vivo e da fuochi d’artificio che illuminano il cielo notturno.

    Se concludete il vostro pellegrinaggio il 31 dicembre a Santiago de Compostela, potrete mangiare l’uva nella piazza dell’Obradoiro seguendo i rintocchi della Cattedrale!

    In breve, sia che stiate pianificando il vostro pellegrinaggio invernale, sia che vi sia piaciuto esplorare questo viaggio attraverso questo post, ricordate che il Cammino di Santiago vi aspetta sempre. Che sia a dicembre o in qualsiasi altro periodo dell’anno, questo sentiero offre un viaggio alla scoperta di sé, della bellezza e della connessione che vi accompagnerà a lungo dopo il vostro arrivo a Santiago de Compostela.

    Buen Camino!

    Richiedi il tuo itinerario

      Data del tour?

      Ho letto e accetto la Politica della Privacy

      Desidero ricevere notizie, contenuti esclusivi, comunicazioni commerciali.


      - Titolare del trattamento dei dati: Galiwonders, S.L.U.

      - Finalità: Per gestire le iscrizioni, inviare comunicazioni e trattare i dati in conformità alle finalità indicate nella nostra informativa sulla privacy.

      - Legittimazione: consenso delle parti interessate

      - Destinatario: fornitori, partner e sviluppatori. Al di fuori di questi campi, i dati non saranno trasferiti a terzi, a meno che non siano obbligati per legge a farlo.

      - Diritti: accesso, rettifica e cancellazione dei dati, nonché altri diritti, come spiegato nella nostra politica sulla privacy.

      Facebook-f Twitter Instagram Pinterest

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Solicita tu itinerario
      Rellena el formulario y recibirás el presupuesto en tu email en 24-48h.
      ×

      Atención comercial | Commercial Attention

      ×