Consigli di base sul Cammino di Santiago

Consigli di base sul Cammino di Santiago

Sempre più persone sono spinte a fare il Cammino di Santiago ma non tutti sono preparati ad affrontarlo. Intraprendere questo meraviglioso pellegrinaggio non è un compito semplice, perché il Cammino non è una semplice passeggiata. Dobbiamo esserne consapevoli per poter vivere un’esperienza realmente piacevole. Per questo motivo, vi diamo alcuni consigli di base sul Cammino di Santiago, che vi aiuteranno se avete già fissato una data di partenza!

Consigli di base sul Cammino di Santiago

Non è che dobbiamo essere atleti professionisti per affrontare il Cammino, ma senza dubbio si tratta di un’esperienza che richiede una discreta condizione fisica. Ciò significa avere già fatto altri percorsi di media distanza (circa 23 km), per cui prepararsi in anticipo è essenziale. Come abbiamo già commentato in altri articoli del nostro blog, ci sono alcuni consigli sul Cammino di Santiago che ogni pellegrino dovrebbe sempre tenere in considerazione.

1. Visitare il medico prima del Cammino

Andare dal medico, logicamente, prima di iniziare il percorso, ci salverà da qualsiasi dubbio. Prima di intraprendere il Cammino, se il medico ci dà la sua approvazione, dovremmo fare camminate quotidiane, aumentando gradualmente la distanza. In questo modo, impareremo a gestire il ritmo dei nostri passi, a respirare meglio e a controllare ogni movimento, minimizzando il rischio di subire lesioni.

È anche importante preparare il corpo per l’attività. Riscaldare le articolazioni prima di iniziare a camminare e fare stretching prima di andare a letto ci aiuterà. Senza dubbio le nostre articolazioni ce lo ringrazieranno!

 

Consejos básicos en el Camino de Santiago

 

2. Adattarsi all’ambiente

Quando viaggiamo in un altro paese, di solito cambiamo il fuso orario. Questo significa che anche il ritmo circadiano cambia. Cambiando le coordinate, cambiano anche gli orari di colazione, pranzo e cena.

Anche se molti alloggi e ristoranti accolgono le esigenze degli ospiti stranieri, dobbiamo capire che questo non è sempre possibile. È più facile cercare di adattarsi e godersi un’esperienza unica! Dopo tutto, la bellezza di viaggiare in un altro paese è quella di potersi integrare completamente nel loro modo di vivere. La Spagna ha regioni molto differenti tra loro; così come nelle grandi città troviamo ritmi accelerati, nel nord bisogna prendere le cose con più calma.

3. Barriere linguistiche sul Cammino

L’inglese e lo spagnolo sono due delle lingue più parlate al mondo, ma questo non significa che tutti le parlino. Lo spagnolo è la lingua madre in Spagna, ma questo paese ha regioni con la propria lingua dove è comune trovare persone anziane che usano la lingua locale. Nella zona turistica della Galizia, è comune trovare alloggi, bar e ristoranti gestiti da persone anziane che non hanno avuto la possibilità di studiare una lingua straniera. Cosa significa questo? Beh, a volte nessuno di loro è in grado di capire bene il turista straniero, il che rende difficile la comunicazione.

Quando viaggiamo lontano dalla nostra zona abituale di residenza, dobbiamo cambiare il chip e fare uno sforzo, sia per imparare un po’ la lingua locale, sia per cercare di comunicare con pazienza. Anche se spesso la gente locale non capisce la tua lingua, si è adattata abbastanza bene ed è comune che capisca quello che gli chiedi se cerchi il cammino. Molti usano la comunicazione non verbale e persino i traduttori online con i loro smartphone, quindi perché non fare un piccolo sforzo?

 

Consigli Camino de Santiago

 

4. Il tempo: pioggia e sole

Un altro aspetto da prendere in considerazione è il tempo, perché… la pioggia non piace sempre a tutti. In Galizia il clima è condizionato dall’Oceano Atlantico, dal Mar Cantabrico e dalle zone montagnose. Anche se la temperatura media annuale è di circa 13 gradi, la verità è che ci sono importanti differenze tra il nord, il sud e l’interno della regione.

Nei mesi invernali, sia Lugo che Ourense hanno temperature più basse, ma anche meno umide. Mentre le zone costiere sono caratterizzate da meno sbalzi termici, ma presentano molta più umidità. Bisogna tener in considerazione che l’umidità è evidente, sia in estate (un caldo appiccicoso) che in inverno (un freddo che ti entra nelle ossa).

La pioggia, anche se scomoda, fa parte dell’esperienza del Cammino. La Galizia è sempre stata una regione abbastanza piovosa con estati brevi. Negli ultimi anni, tuttavia, sta subendo variazioni a cui la maggior parte della popolazione non è ancora abituata. Le estati si allungano, le temperature aumentano e le precipitazioni sono molto variabili da un anno all’altro.

5. Cosa dobbiamo fare per evitare che le condizioni meteorologiche rovinino la nostra esperienza?

Al quinto posto dei nostri consigli di base sul Cammino di Santiago c’è fare pratica, soprattutto, della capacità di adattamento. Parte dell’esperienza del Cammino è la capacità di superare gli ostacoli, quindi se piove, dovremo semplicemente sopportarlo e cambiarci non appena smetteremo di camminare. In questo modo eviteremo di ammalarci.

 

Consigli sul Cammino galiwonders

 

Inoltre, alcuni tipi di tessuti ci aiutano a mantenere la nostra temperatura corporea, ma occhio all’umidità! Se non stiamo attenti possiamo prenderci un forte raffreddore e ammalarci. Nei giorni molto caldi, bisogna evitare le ore con più sole, come a mezzogiorno, perché il sole può giocare un brutto scherzo. Indossare un cappello ci proteggerà dai raggi UVA indesiderati.

Dobbiamo sempre camminare responsabilmente e se ci accorgiamo che ci stiamo scottando, è meglio ripararsi all’ombra. Il sole e l’umidità possono causare un colpo di sole, o colpo di calore, disidratando il nostro corpo e provocando un disturbo cerebrale che può causare convulsioni e febbre. Quindi fate attenzione!

6. Il Cammino di Santiago non è un percorso facile

Il Cammino non è una passeggiata al tramonto sulla spiaggia. Non ci sono panchine o fontane ogni 5 metri per sedersi e bere acqua. Quando si intraprende questo viaggio, bisogna essere consapevoli che sarà un’esperienza unica, che cambierà il modo in cui osserviamo, sentiamo o soffriamo.

Dobbiamo adattarci a qualsiasi imprevisto e cercare di risolverlo senza perdere la calma. Anche se la campagna galiziana spesso sembra essere in mezzo al nulla, la verità è che le distanze non sono così lunghe come sembrano. In caso di emergenza, i servizi pubblici di solito agiscono abbastanza rapidamente, quindi possiamo sentirci al sicuro. Inoltre, gli abitanti della Galizia sono sempre pronti ad aiutare chiunque passi di lì.

 

Consigli di base sul Cammino di Santiago

 

Se in qualsiasi momento pensiamo di esserci persi, non dobbiamo perdere la calma. Le frecce gialle finiscono sempre per apparire. La cosa migliore da fare è continuare a camminare, poiché molte persone e pellegrini seguono il nostro stesso cammino e prima o poi, troveremo qualcuno che ci potrà aiutare.

7. Cerca di praticare l’empatia prima, durante e dopo il Cammino.

Sapersi mettere nei panni dell’altro, e una certa dose di flessibilità nell’affrontare il Cammino, può essere ciò che ci fa vivere la migliore esperienza della nostra vita. Il Cammino infatti è come la vita. Se cammini troppo in fretta, se la consideri una corsa, ti perderai così tante cose che arriverai alla fine con una sensazione di malinconia per tutto quello che non hai potuto vedere, conoscere, annusare o sentire.

Un movimento internazionale chiamato Slow Food si è diffuso anche negli altri aspetti della vita; Slow life, o prendere la vita più lentamente, dovrebbe essere la frase che ci accompagna. Lento, lento, lento… lentamente camminiamo per goderci ogni fiore, ogni passo, ogni aroma.

 

positive attitude

 

Lavorare sull’ottimismo è fondamentale per vivere con gioia e per avventurarsi nel Cammino. Se cambiamo il modo di vedere le cose, se improvvisamente trasformiamo tutto ciò che è negativo in un’esperienza positiva, la vita diventa un percorso più facile. Quindi tenete sempre in mente tre concetti: empatia, simpatia e cooperazione. Vedrete come cambiando il vostro modo di vedere, sentire e fare, tutto intorno a voi diventa più facile e, come per magia, il Cammino si trasformerà in un’esperienza piena di gioia.

8. Leggere i documenti di viaggio prima di partire

Con questi consigli di base sul Cammino de Santiago, non ci resta che ricordarvi che prima di iniziare a camminare, dovrete leggere attentamente tutti i documenti di viaggio che avrete ricevuto via e-mail prima del viaggio. A volte alcune persone confondono l’itinerario iniziale che inviamo nelle prime email con la documentazione finale di viaggio. Ricordatevi che queste informazioni sono precontrattuali e non sono valide per il viaggio finale.

I documenti che vi mandiamo nel Kit di viaggio contengono tutte le informazioni sull’alloggio, i trasferimenti e i pasti che avete prenotato. Inoltre, troverete mappe stradali con indicazioni e informazioni rilevanti che risponderanno ad alcune delle domande che potreste avere.

Il team di Galiwonders è composto da un team desideroso di aiutare e rendervi le cose più facili. Avendo viaggiato anche noi, siamo in grado di metterci nei vostri panni e di aiutarvi con i problemi che ci è possibile risolvere. Non possiamo fare miracoli, ma cerchiamo di rendere ogni percorso un successo. Buon Cammino!

 

Leave a Reply

Chiedi il tuo preventivo